La Potenza della Croce - Entrare nella Risurrezione

Home - Scarica libroLettura libro da sitoAltri contenutiMusicaForum





 



La Chiesa Cattolica, la nostra Madre

Chi vuol avere Dio per Padre non può non avere la Chiesa Cattolica per Madre, oltre a Maria. Si può volere una madre diversa da quella che il padre ha scelto, cercare madri più belle? La madre è quella da cui si corre nei momenti di sconforto e si cerca quell'equilibrio di cui si ha bisogno per proseguire bene nel cammino. Anche se composta non sempre di uomini perfetti, anche se è lenta e non sempre sembra viva, dentro di Lei ci sono degli uomini e delle donne che fanno cose stupende, persone che sudano per gli altri, che danno la vita per gli altri, che implorano per gli altri.

Non ci si può fermare al fatto che è stato condannato Galileo perché diceva che sia la terra a girare attorno al sole, senza dire “in effetti gli uomini di quel tempo che condannavano lui non sono peggiori di noi che condanniamo tutta la Chiesa, le sue opere, la fede e la religione cristiana perché è successa questa cosa”. D'altronde che sia la terra a girare attorno il sole può essere anche simbolo dell'umanità che ruota attorno a Gesù Cristo, dal punto di vista spirituale. Non ci arrivavano.

Riguardo streghe ed eretici che ammazzavano le anime e le portavano alla disperazione o alla menzogna che tolgono la vita eterna, che diciamo? Siamo spesso d'accordo che muoiano o abbiano l'ergastolo persone che hanno ucciso innocenti che sono andati dritti al Cielo, e allora una strega che porta alla dannazione eterna tante persone non meritava nulla? Chissà che quelle donne che si condannavano alle fiamme eterne sentendole su questa terra non si siano pentite e abbiano chiesto quel perdono a Gesù che ha salvato le loro anime... Ora siamo più civilizzati, abbiamo il cuore meno duro, son d'accordo anch'io, allora che ci sarebbe di più giusto per quelle persone del carcere e della costrizione a partecipare attivamente a opere di bene e a catechesi perché si rendano conto di dove le portava la loro ignoranza e cattiveria e voglia di far soldi sulle spalle di persone che promettevano di aiutare? Non dico solo per questioni di fede (per molti si può imporre solo che non si parli di fede pubblicamente, mentre alle streghe le lasciano far tutto), ma per quel valore etico e morale che amare gli altri è meglio che odiare e fare del male al prossimo. Gli eretici avremmo fatto meglio a combatterli con la spada della Parola di Dio, di sicuro, lo hanno anche fatto tanti santi, ma quando si era in tempi ignoranti e duri di cuore non si può pretendere troppo. Vi rendete conto di cosa è difendere il preziosissimo tesoro della fede che Gesù Cristo ci ha dato, voi? Di quella fede che di sicuro salva le anime? È a Pietro che Gesù ha dato le chiavi. Per il fatto che nella Chiesa ci sono state persone che hanno ucciso i deviati dalla fede che salva, non dovete uccidere la Chiesa intera nel vostro cuore. Ci sono state anche persone buone. Se in famiglia aveste una persona che fa le cose più vergognabili, e il resto della famiglia onesto e sincero, mica rinneghereste tutto il resto della famiglia dicendo “io non faccio più parte della famiglia”!

Ci sono state stragi a causa della fede, per imporre la fede? Non son da benedire, di sicuro. Secondo me Gesù li ha presi tutti quegli innocenti e deve aver trattato non di certo bene chi ha infierito su inermi usando la fede troppo spesso solo per i propri scopi materialistici. Il giudizio è di Dio, e Lui fa giustizia! La smettete di perdere le vostre anime e cercare la pace di esse in fedi e religioni che hanno poco o nessun nutrimento? La smettete di non volere vedere anche tutto l'immenso bene che la Chiesa ha fatto, a differenza dei laici di questi duemila anni, o siete pronti solo a giudicare e puntare il dito? Che poi si parla delle crociate e non di tutti i secoli di martiri cristiani a causa dei musulmani, fatti prima che iniziassero, anche per esasperazione, le crociate!

Senza Gesù non possiamo fare nulla, ma è negli apostoli e in quelli che loro avrebbero nominato che Lui ha riposto ogni fiducia. Chi non è nella Chiesa non si salva? Chiaro che possono salvarsi, ma la salvezza totale è nelle mani della Chiesa Cattolica, la Chiesa che Gesù Cristo, e non una qualsiasi persona, ha istituito. Ci sono forse uomini che meritano più fede di Lui? Vi siete accorti che non si può stare solo a cercare il pelo nell'uovo? Cerchiamo di accorgerci piuttosto di quanto è buono e nutriente l'uovo.

Avete mai conosciuto che stupende vite hanno vissuto i santi? Che miracoli di carità, di perfezione e di sapienza erano loro stessi? Siete mai andati in Africa ad aiutare chi non ha un piatto di riso al giorno e muore di tutte le malattie? Avete mai lavato le piaghe a un lebbroso? Avete mai aperto scuole o insegnato lavori a chi non ha niente? Avete mai raccolto il pianto dei bambini di strada? Siete mai andati incontro ai barboni? Avete mai accettato sofferenze per gli uomini che Gesù vuole salvare? Avete mai accettato sofferenze per le cose in cui credete? Lo avete mai fatto voi che pensate che sia giusto solo il vostro modo di pensare sulla Chiesa, voi che giudicate prima ancora di conoscere, che vi gonfiate di discorsi vani tra di voi e amate sparlare di tutto pur di apparire migliori degli altri? Avete mai fatto questo voi che vi vantate della civiltà della nostra società e rinnegate le radici cristiane, voi che dite “noi abbiamo ottenuto tutto questo”, e non vi accorgete che è per il lavoro di milioni di cristiani che sono comparsi i valori e molte opere morali e civili? Avete mai fatto queste cose voi che non sapete rinunciare all'ultimo ritrovato della tecnologia, che se non avete la discoteca vi sentite vuoti, che mangiate sulle spalle degli altri popoli senza condividere con loro nulla, e che al primo problema vi suicidate o fate soffrire tutte le persone per voi importanti dicendo “nessuno mi ama”, quando siete voi a non amare? Io no, non l'ho fatto. Finché non ho conosciuto Gesù no. Non son migliore di nessuno ma non è un buon motivo per non dire queste cose. Riconosciamoci peccatori, dunque, Dio potrebbe mostrarci mille cose in cui noi manchiamo, ma non lo fa perché è buono.

E se ora avete mangiato il vitello grasso e vi siete convertiti perché avete visto la Luce, non lamentatevi delle cose che non vanno con quelli che sono stati cristiani tutta la vita, i vostri fratelli maggiori. Loro, che mentre buttavate tutti i vostri talenti in piaceri e divertimenti, non hanno spesso avuto neanche un capretto (parabola del Padre misericordioso, Lc 15, 11-32), non hanno avuto nessuno che gli dicesse le cose che voi leggete, e non sapevano neanche che esistessero certe cose. Sapete voi se quelle persone umili che sembrano non avere coscienza di quello che vivono, non sono proprio quelle che hanno ottenuto la vostra conversione con le loro preghiere? Loro sono sempre stati così, e forse non hanno neanche fatto esperienza di cosa vuol dire essere senza la Pace di Gesù, non si rendono conto. Voi non dovete giudicarli ma solo accogliere quel che c'è da imparare da loro. Però anche loro siano accoglienti e misericordiosi, perché bisogna essere accoglienti verso chi si converte e non essergli indifferenti.

Non c'è niente nella Chiesa che sia sbagliato, a livello di come funziona, al di fuori di qualche piccola cosa che non cambia la sostanza. È solo il modo di vivere le cose che può non essere quello che Cristo vuole, specie riguardo la povertà, che va seguita. Il Vangelo è chiaro e va vissuto, in un modo o nell'altro, nella sottomissione e devozione alla Chiesa di Gesù Cristo.

Quello che i sacerdoti hanno ricevuto non è un potere basato sulla parola degli uomini ma sulla Parola sacra e immutabile di Gesù. Che interessa a noi che loro siano persone perfette? Certo, dovrebbero esserlo e devono dare l'esempio, ma a noi basta che facciano il loro ministero e che noi stessi cerchiamo di essere un buon esempio per la Chiesa. I sacramenti sono realtà, su questo non c'è cosa umana che possa cambiare alcunché.

Infine, c'è una cosa su cui potremmo dire alla Chiesa “avremmo bisogno”. Sono le omelie. I sacerdoti si ricordino che noi abbiamo bisogno anche che ci si dica di pregare, che ci si aiuti a capire che quel Pane Eucaristico è veramente la Carne di Gesù, che ci si ricordi senza paura che abbiamo bisogno di lavarci dai nostri peccati con la confessione, che ci si dica di leggere ogni tanto una frase del Vangelo per sapere in Chi crediamo e che ci si faccia magari anche sapere che a Gesù può fare piacere ogni tanto un piccolo sacrificio come il digiuno. E poi, accidenti, parlino di Paradiso, di Purgatorio e di inferno! Per che motivi andiamo a Messa? Devono parlarne e devono crederci, ma non per propria elucubrazione mentale, ma perché ci sono centinaia e migliaia di testimonianze di queste tre realtà, date in duemila anni!

Soprattutto il pregare, normalmente non si ha le idee chiare che bisogna sviluppare un rapporto vivo con Dio se nessuno ce lo dice chiaro e bene. Per quale motivo un'omelia sulla preghiera è cosa più rara di un ricco che si occupa di opere di bene per i poveri? Si cerca di dare speranza, ma non si dà i mezzi. Si parlasse almeno dei santi che hanno dato l'esempio, ogni tanto, sarebbe bene. Abbiamo bisogno che venga Maria (a Medjugorje) a dire quelle cose che dovremmo sentire ogni giorno a Messa? Da che parte stanno certi, troppi sacerdoti? Dico certi perché ce ne sono anche tanti molto d'esempio, ma il sacerdote deve essere colui che apre la strada all'incontro vero con Dio. Il mondo si attira più a seguire la propria fede che ad essere accondiscendenti coi desideri degli uomini. Questa è la verità e questa è la vera felicità.


Prossimo capitolo


Scarica libroLettura libro da sitoAltri contenutiMusica - Forum




Quest'opera è consacrata al Cuore Immacolato di Maria.

Autore Oscar Lepore

Oscarlepore@email.it

Sono presente anche su facebook con nome Oscar Lepore (quello nato il 9 luglio 1983).