La Potenza della Croce - Entrare nella Risurrezione

Home - Scarica libroLettura libro da sitoAltri contenutiMusicaForum





 



La penitenza

La penitenza è bella quando è fatta con amore per Dio. La penitenza è voler stare con Dio. La penitenza è voler distruggere la parte malata di sé perché Dio possa fare di noi una pasta migliore e più bella. È voler espiare i propri peccati. La penitenza è fatta di piccole e di grandi cose e ha un'utilità immensa. Non si deve partire dalle grandi cose e poi rischiare di stare male con se stessi se non si riesce a farle, ma fare le piccole, che si sente secondo coscienza, e avere un po' di disciplina. Anche solo decidere di pregare parecchio il Rosario e magari anche digiunare il mercoledì e il venerdì è già una buona penitenza e di gran peso, che spesso non piace. La penitenza ci apre nuove strade, ottiene grazie su grazie e benedizioni su benedizioni e purificazioni su purificazioni. Essa può ottenere tanto per noi e per le persone per cui le offriamo. Non importa quanto grandi o piccole sono però le penitenze, ma quanta fede, speranza e carità ci mettiamo nel farle. Esse ottengono miracoli. Ma la penitenza che Dio più vuole è che accettiamo le sue volontà e ci sottomettiamo a esse senza tanta ribellione. "Il Signore forse gradisce gli olocausti e i sacrifici come obbedire alla voce del Signore? Ecco, obbedire è meglio del sacrificio, essere docili è più del grasso degli arieti” (1Sam 15, 22), ma aggiungere anche le proprie penitenze non è male e fa frutto in abbondanza.


Prossimo capitolo


Scarica libroLettura libro da sitoAltri contenutiMusica - Forum




Quest'opera è consacrata al Cuore Immacolato di Maria.

Autore Oscar Lepore

Oscarlepore@email.it

Sono presente anche su facebook con nome Oscar Lepore (quello nato il 9 luglio 1983).