La Potenza della Croce - Entrare nella Risurrezione

Home - Scarica libroLettura libro da sitoAltri contenutiMusicaForum





 



Il demonio, distruggere il suo lavoro e scacciarlo dalla propria vita

Il demonio c'è e non si può fare niente a riguardo. Far finta che non ci sono i demoni, avere paura delle preghiere che distruggono il loro operato e la loro presenza solo perché li nominano è il buonismo più stupido e ingenuo che ci sia, si diventa mollicci nella fede, aperti a tutte le eresie e invece di scacciare il demonio gli si permette di fare ancora di più e ancora di più, soprattutto che la gente non creda più nella sua esistenza. Non bisogna avere paura se si crede in Gesù Crocifisso. Sono loro, i demoni, che hanno paura, delle nostre preghiere e della nostra unione con Dio, perché desiderano solamente che siamo persi e pieni di sofferenze qui e nell'eternità. Il loro intento però non è che ce ne accorgiamo, il loro intento è che non viviamo nelle volontà di Dio. Non solo nella volontà personale di Dio su di noi, ma anche nelle Sue altre volontà, ovvero tutto ciò che ci fa santi. La volontà specifica infatti non basta, o non è necessariamente la sola volontà che ha il Padre su di noi, ma senza le piccole volontà adempiute è come se siamo quasi inutili, per quanto crediamo di fare già la Volontà di Dio che vince il male nel mondo. Finché noi abbiamo tutto eccetto la preghiera i demoni sono anche contenti, perché non capiamo nulla del significato della vita religiosa e dell'anima. È la loro tattica, farci perdere il senso delle cose, farci sentire che tutto è buono e va bene e finché la fede per noi è una cosa tra le altre. Non vuol dire che non si deve avere nulla di quello che è nel mondo (anche se i religiosi in questo ci devono dare l'esempio, come Gesù), specie se è frutto di buona e retta volontà, ma che tutto l'eccesso ci è dannoso, a meno che non abbiamo un solido ancoraggio a tutto ciò che è santo. Posto però che non c'è nessun significato buono davvero per l'anima nelle cose del mondo, perché preferire nutrimento indigesto e senza utilità a un buon nutrimento sano, che all'inizio può parere pesante ma che poi è il più dolce dei cibi? È come preferire mangiare ogni giorno panini al fastfood invece di mangiare il sano, vario e gustoso cibo italiano. A un certo punto può venire il vomito. Perché preferire dunque favole e belle storie che ci lasciano nelle più tristi noie, alla verità che viene dal Vangelo e alle cose che il Signore ci ha dato in duemila anni di storia? Perché preferire storie di eroi senza sapienza del cuore e senza amore per gli altri, con una giustizia che ha come regola solo distruggere il nemico, mentre voi diventate vili e chiusi nelle vostre case e non sapete neanche che nobili gesta e che davvero incredibile coraggio hanno avuto migliaia e migliaia di grandi santi e martiri, che facevano cose da lasciare sbalorditi e che confidavano solo in Gesù? Ma credete che vivere in una bolla di sapone salvi dal destino che ognuno di sua volontà si sceglie? Occupatevi di salvare l'anima. Ma se anche vi salvaste perché dite e credete di avere cuore buono, quando vedrete i santi del cielo quanto sono belli e cosa hanno ricevuto non direte “forse avremmo potuto fare qualcosa di più”? La soluzione non è quindi preoccuparsi di esorcizzarsi credendo improvvisamente di aver chissà quale indemoniamento, prendendo coscienza poi che chi è cattivo e sembra normale è ben più indemoniato di chi non ha fatto niente e lo vive sensibilmente, in martiri d'anima che non sapete neanche immaginare (piccoli corredentori, se offrono queste sofferenze a Dio). La vera soluzione è convertirsi e vivere di amore, finché non sarete puri, per il fuoco dell'amore che vi ha purificato, per il Rosario, che è molto forte contro il demonio; cercare l'unione con Gesù e liberarsi di tutte le opere inutili che non parlano del bene, e se possibile liberarsene, dire “Mio Dio rinuncio a satana e alle sue opere e mi confesso riguardo tutto ciò che è male per essere liberato dal Sangue di Gesù, e con l'aiuto del tuo Santo Amore, cercherò di evitarle da ora innanzi”, e cominciare ad accorgersi che anche il Regno di Dio ha le sue tante belle cose, che sono in particolare conoscere la vita di santità, conoscere i santi, conoscere le opere belle e anche aiutare e incontrare gli altri con l'amore di Dio.

Ricordate che solo l'amore può bruciare i fili delle ragnatele di satana, quando ci troviamo in fastidi da lui, e che non bisogna fare come Eva che ingenuamente si è lasciata andare a dialogare con il demonio, e a credere alle menzogne che diceva. Certi pensieri non li si segue, per decisione. Tanto sapete che non ha nulla da dare, fa solo finta. E se anche il demonio desse veri fastidi, invece di prendersi male ricordatevi che siete figli di Dio, col coltello dalla parte del manico e dite più e più volte “Padre, per il Sangue e la Carne di Gesù e l'azione degli angeli togligli tutto dal mio mondo e dalla mia vita”, e vedrete che non vi darà più problemi. Quello che Gesù e i martiri hanno fatto per noi non va sprecato ma valorizzato, anche perché evitano tante sofferenze che il mondo continua ad avere. E non parlare di queste cose, anche dove è lecito e dovuto, banalizzandole, è una delle omissioni più dannose che ci possa essere.


Prossimo capitolo


Scarica libroLettura libro da sitoAltri contenutiMusica - Forum




Quest'opera è consacrata al Cuore Immacolato di Maria.

Autore Oscar Lepore

Oscarlepore@email.it

Sono presente anche su facebook con nome Oscar Lepore (quello nato il 9 luglio 1983).