La Potenza della Croce - Entrare nella Risurrezione

Home - Scarica libroLettura libro da sitoAltri contenutiMusicaForum





 



Accogliere il mistero in sé, accogliere il perdono e perdonarsi

Gli ostacoli alla Grazia e alle benedizioni interiori dove sono? Son dentro di noi, nelle nostre superficialità, nel nostro non cercare il senso delle cose importanti che ci succedono e delle cose che la nostra mente ci mostra, avendone spesso paura, soprattutto di essere imbrogliati. Queste sono invece spesso cose che a poco a poco ci svelano le realtà più profonde del nostro essere, le più utili a una vita umana e spirituale veramente profonda e bella. Gesù ci vorrebbe tutti un po' mistici, cosa c'è di più bello di essere col cuore aperto alle cose dello Spirito? E invece gli uomini vedono noi cristiani così materiali e attaccati a cose senza importanza, o poco spirituali, un po' come tutti gli altri, che dicono “ma che ci importa della loro fede? Non merita neanche che perda due minuti a chiedermi cosa possa esserci di vero”! Ma come siamo utili al mondo! Guai, ci hanno abituati che non si può affidarsi a nessuna esperienza mistica, che non c'è niente di saldo dietro le cose apparentemente strane che accadono, e che tutto quello che è cristiano è solo la Chiesa materiale e non anche la Chiesa spirituale, che è formata da ognuno di noi e in ognuno di noi. Ma la prima senza la seconda è una cosa asfissiata dalla polvere e dalle ragnatele, pur rimanendo la Chiesa di Cristo che Lui ha istituito. La vita spirituale c'è e non può essere sepolta da nessuno, o non ci saranno più santi e apostoli e profeti e martiri o veri fedeli come quelli che hanno dato la vita per quello che troppi ingrati rinnegano.

Allora più che preoccuparsi di quanto c'è di sbagliato e non di giusto, bisogna preoccuparsi di far posto dentro di se per accogliere la presenza di Dio che tutto spiega e svela. Bisogna accogliere profondamente ogni perdono ricevuto alla confessione così da diventare sempre più puri e immacolati come i bambini che Maria ha sempre scelto per le sue apparizioni più importanti, e dare a Dio tutte le nostre tendenze a giudicare Lui, noi stessi e gli altri con tanta preghiera per capire le cose, finché non diventiamo come bambini, o, ma non sbalordite, figli di Dio. Questo è il dovere di ogni mistico, di ogni persona che ha doni spirituali e soprannaturali per il bene o è chiamata a svilupparli, compresi i sensitivi. Il nostro dovere è accogliere la presenza di Dio senza fargli ostacolo con la nostra umanità e impurità di coscienza (soprattutto quella). Quando si è depositari di doni grandissimi per sé e per gli altri non si scherza e non ci si lascia prendere da passioni impure nell'agire e nelle scelte, siamo responsabili più degli altri della fede altrui, la fede che ha potere di salvare le anime. Non si faccia scempio dei talenti ricevuti, il Signore dice che non basta fare miracoli e cose straordinarie ad avere la vita eterna! Pregate dunque per accogliere in pienezza il perdono di Dio in voi, col Rosario e ringraziando, e anche per perdonarvi voi stessi (dopo aver perdonato tutti è la sola cosa che vi può mancare, oltre che riconciliarvi col Padre se ce l'avete avuta con Lui).

È l'Amore di Dio in voi quello che vi salva veramente e quello che vi fa agire da figli di Dio! Abbiamo Maria come modello, non ha mai fatto miracoli, ha solo vissuto nell'amore per Dio e per tutti, ed è la regina dell'universo, di tutti gli angeli e di tutti i santi.


Prossimo capitolo


















Scarica libroLettura libro da sitoAltri contenutiMusica - Forum




Quest'opera è consacrata al Cuore Immacolato di Maria.

Autore Oscar Lepore

Oscarlepore@email.it

Sono presente anche su facebook con nome Oscar Lepore (quello nato il 9 luglio 1983).