La Potenza della Croce - Entrare nella Risurrezione

Home - Scarica libroLettura libro da sitoAltri contenutiMusicaForum





 



L'ave Maria

L'Ave Maria è un sospiro alla mamma, non va recitata meccanicamente.

Oltre la normale, riporto due Ave Maria utili alla crescita spirituale.

- Ave Maria dell'Addolorata (la uso nel pregare i misteri dolorosi o, per esempio, la via Crucis)

Ave Maria, piena di dolori, Gesù Crocifisso è con te, tu sei degna di compassione fra tutte le donne e degno di compassione è il frutto del tuo seno, Gesù. Santa Maria, Madre di Gesù Crocifisso e Corredentrice nostra, ottieni a noi, crocifissori del Figlio tuo, lacrime di sincero pentimento e una vera conversione, adesso e nell'ora della nostra morte. Amen”.

- Ave Maria dell'Immacolata Corredentrice

Ave Maria, piena di Grazia, il Signore è con te. Tu sei benedetta fra tutte le donne e benedetto è il frutto del tuo seno Gesù.

Per la tua Divina Immacolata Concezione salvaci.

Per la tua Corredenzione convertici al Risorto.

Santa Maria, Madre di Dio, prega per noi peccatori, adesso e nell'ora della nostra morte. Amen”.

(si dice “salvaci” nella prima decina del Rosario, “proteggici” nella seconda, “guidaci” nella terza, “santificaci” nella quarta, “governaci” nella quinta).

Perché queste Ave Maria? Esse non è che sostituiscano la normale, naturalmente. In alcuni messaggi a j.n.s.r. della cui veridicità son certo (e permetterete che sto sempre molto attento nei giudizi, che non do fede a caso), Gesù parla di questi due attributi di Maria, dicendo che quando saranno riconosciuti come dogmi vi sarà una guarigione del mondo incredibile. Questo è dovuto alla potenza dei concetti, quando si crede in essi e si cerca di comprenderli per essi riceviamo e grazie su grazie (con questa fede dovreste dire il Credo, la più bella preghiera secondo Maria).

Che Maria sia concepita immacolatamente, ovvero preservata dal peccato originale, si sa, anche se fece parecchio scalpore quando venne enunciato. La Divina Immacolata Concezione è solo un completamento del concetto dell'Immacolata Concezione. In Col 2, 9-10 san Paolo dice “È in Cristo che abita corporalmente tutta la pienezza della divinità, e voi avete in lui parte alla sua pienezza”, ovvero che noi abbiamo parte alla divinità di Gesù dal battesimo in poi, ed essa cresce man mano che crediamo in Lui. Il battesimo è necessario perché noi possiamo ricevere l'adozione a figli di Dio come Adamo ed Eva prima del peccato. Adamo infatti secondo la genealogia di Gesù descritta in Lc 3, 38 era figlio di Dio. Maria semplicemente ha ricevuto parte alla divinità di Gesù fin dalla concezione, come Adamo ed Eva avevano non avendo nessun peccato in loro. Dio ha preservato Maria dall'ereditare il peccato per il piano che aveva su di Lei. Aver parte alla divinità di Gesù vuol dire semplicemente la grazia che è in noi. A noi è stata data col battesimo, a Maria le è stata data parte fin dall'inizio, facendone fin dall'inizio una figlia di Dio. Anche Lei comunque ha collaborato a farla crescere con la sua conversione quotidiana. Dio aveva bisogno di una donna adatta al Suo piano di salvezza dell'umanità.

Ma il concetto della Divina Immacolata Concezione non è finito qua. Sappiamo che Adamo fu tratto dalla terra e gli fu infuso lo Spirito vitale. Per Maria questo ha delle differenze, poiché per essere Madre di Dio era necessario che fosse particolarmente Santa. Dunque la Divinità, in quanto figlia di Dio, di Maria, non è solo dovuta alla Grazia perfettamente aderente a Lei per la mancanza del peccato originale, ma è dovuta anche al fatto che Lei è “nata con l’aureola”, ovvero la Sua carne immacolata era una cosa sola con l’Amore Divino fin dal concepimento. I Santi sono coloro che più si sono uniti all’Amore Divino, la Santità è diventare Amore Vero a immagine della Santissima Trinità. Non c’è Santità senza Amore vero e vera Verità incarnati in se stessi. Dunque la Madonna per l’altissimo compito che la attendeva era creata d’Amore, di carne spiritualizzata nell’Amore Divino, fin dalla concezione. Ovvero la Sua persona è stata creata superiore ad Adamo ed Eva fin dall’inizio, e con la santità vissuta nella vita terrena è poi arrivata a un livello di Santità e Gloria eterna che la rende seconda solamente a Dio, e superiore agli angeli, in quanto Lei è perfetto Tempio della Trinità.

Riguardo alla Corredenzione pensate solamente che la compassione può arrivare a far soffrire le pene dell'Amato, a sentirle proprie e a soffrirne insieme a Lui, a versare lacrime per ogni singola sofferenza e per quanto costa la salvezza degli uomini. Ma se san Paolo dice “completo nella mia carne ciò che manca ai patimenti di Cristo, a favore del suo corpo, che è la Chiesa” (Col 1, 24), proclamandosi così corredentore, come ci possono essere persone contrarie a Maria come Corredentrice? Saranno anche religiosi, spesso, ma quando si tratta di pregare per capire una cosa son persone vane, leggere, e subito escono dal colloquio con Dio che li porterebbe alla Verità completa per parlare delle prime cose che gli passano per la testa, trovandosi così a combattere contro la Verità! Queste persone si riguardino, perché non basta avere l'abito a salvare l'anima e a possedere la verità completa. Sono le classiche persone che danno dei pazzi isterici a persone come padre Pio magari senza neanche aver parlato con la persona approfonditamente e che negano ogni manifestazione soprannaturale, ciechi guide di ciechi! Bisogna chiederle al Signore le verità, con atteggiamento umile, e ringraziare per quelle che si ha già. Comunque, imparando a comprendere e onorare col cuore i concetti, le verità e i dogmi si cresce in fretta e si ottiene grandi grazie.

(Usate queste preghiere in solitario, non imponetele a chi non le sa quando si prega il Rosario normale).


Prossimo capitolo