La Potenza della Croce - Entrare nella Risurrezione

Home - Scarica libroLettura libro da sitoAltri contenutiMusicaForum





 



La sofferenza, le croci della vita

Maria non ha mai sofferto nella vita se non per Gesù e per noi. Non era dovuto che alla sua purezza interiore. La purezza e lo stato di grazia interiore porta a non aver fatica e sofferenza di nulla. Adamo ed Eva non soffrivano. Anche noi dobbiamo diventare puri per non soffrire. Dobbiamo chiedere a Dio che ci purifichi e riempia di Grazia e ci faccia davvero belli dentro e nella vita di ogni giorno. La sofferenza fa crescere, e la verità è che spesso noi la vediamo in cose che non darebbero in realtà nessuna sofferenza. È nella mente che rendete pesanti le vostre croci. Il problema è che non facciamo le cose con Gesù e ci lamentiamo molto spesso, rendendo più pesante tutto. Il lavoro che fai serve a Dio per farti bello. Il lavoro è santificante, soprattutto se ogni giorno lo si offre a Dio. Le malattie servono a purificarti e sanarti l'anima dal male, se non preghi mai e non ti metti mai davanti alla croce di Gesù. Il bambino che ti dà fastidio e non ti lascia in pace serve a farti capire che devi pensare meno a te stesso. La persona che ti dice cose buone o giuste, che non vorresti e che ti fanno soffrire, serve perché tu ti accorga che devi cambiare e convertirti, o perlomeno che devi amare di più e accorgerti degli altri. Forse che le cose buone son sempre le più piacevoli da sentire, o quelle che tu senti importanti per te? E allora non deve essere lo stesso delle sofferenze che senti in ogni cosa che ti appare negativa? Il problema è che non hai un pensiero formato alla vita eterna che ti rende preziose tutte le cose di questa vita, sapendone il valore. Quante cose belle ti fa imparare la sofferenza, quanto ti rende profondo e quanto ti centra sulle cose che hanno valore e che veramente desideri. Non affliggerti e non dare importanza a piccole beghe. Non pensare di farti del male o rovinarti per cose da poco. Chi ti scrive ha sofferto come se fosse stato il più maledetto degli uomini, perché non sapeva comprendere il dono che Dio gli aveva fatto e non sapeva come portare i suoi pesi, perché aveva martiri interiori, intellettuali e di rapporto, che a volte (anche se sapevo che Dio aveva qualcosa di bello per me da parte), mi ha salvato solamente l'essere contrario al suicidio, secondo le leggi di Dio. Eppure delle tantissime sofferenze che ho avuto Dio mi ha dato ricompensa, tanto che ora ho le felicità più grandi della terra. Offri quindi le tue sofferenze a Dio, e prima o poi resterai strabiliato dal loro valore per la tua felicità. Anche se il dolore ti annullasse è sempre una gioia futura che in quel momento non sai vedere. Non devi credere al demonio che ti dice che sei fregato e che sarai fregato in eterno! E quando non hai la pace vivi credendo che la tua sofferenza arriverà a darti una mente libera, ove niente sarà più un problema. Quando soffri Gesù è con te più di quanto immagini, se gli offri la tua sofferenza per te, per i suoi progetti su di te e per le persone per cui vuoi del bene, vedrai le cose più stupende prima o poi! Mia madre ha riavuto mio padre dopo sette anni di separazione per aver dato le sofferenze sue a Dio, e anche la conversione di quasi tutti in famiglia. Ti sembra che vale poco? Se non fosse accaduto questo fatto, se non si fossero fatte certe offerte, forse oggi neppure potrei scrivere le strade e i concetti che rendono facile e dolce la vita. Impara a pensare che ogni croce, piccola o grande, dà un grandissimo frutto, quando impari a dare ad ogni cosa il senso e il valore che Gesù ti rivela. Ogni sofferenza può essere una benedizione diversa per te o per una persona che hai trattato male o anche solo trascurato, offerta a Gesù, e anche per la salvezza del mondo! Gesù ti dà di capire il motivo a cui è legata quella sofferenza se glielo chiedi, basta stare attenti col cuore alla Sua voce. Quando comprendi chiedi perdono al Padre delle cose che non vanno e Gesù con la tua preghiera ti aiuterà a rimettere a posto le cose.

E ora guarda tutte le cose importanti che ti hanno fatto soffrire e comincia a offrirle al Signore. Entrerai nella pace man mano che lo fai, perché Dio comincerà a guarire le ferite che sono nella memoria della tua anima col balsamo del Suo amore, e conoscerai sempre più chi è Dio, come se fosse un amico.


Prossimo capitolo