La Potenza della Croce - Entrare nella Risurrezione

l'insegnamento mistico-carismatico cattolico più completo

Home - Scarica libroLettura libro da sitoMessaggi Gesù e MariaAltri contenuti fortiMia musicaForum





 



Via Crucis

Versione di questo testo in PDF da stampare


La Via Crucis è una preghiera di un valore immenso, dopo il Rosario. L'importante è viverla bene e profondamente, come uno stare vicino a Chi continua a soffrire ogni giorno per i peccati dell'umanità e ha solo bisogno di qualcuno che lo aiuti a portare la Croce perché la salvezza e la gioia diventino cosa aperta agli uomini. Essi oggi brancolano ciechi al buio senza sapere dove andare, ciechi su cosa sia veramente la vita, ciechi sul loro bisogno di infinito, c'è bisogno di qualcuno che aiuti Gesù perché abbiano ciò di cui hanno veramente bisogno per salvarsi, perché si aprano i loro occhi. Le parole delle riflessioni sono di Gesù, tratte dal Diario di santa Faustina Kowalska – Divina Misericordia.


Preghiera introduttiva

Signore, io credo in te e in quello che tu hai fatto per noi. Quello che tu hai fatto è la nostra salvezza, la salvezza di tutti. Io credo che vuoi abbondantemente riempire di doni gli uomini, e credo che la massima felicità è che essi abbiano la conoscenza della Verità che rende liberi e dà la salvezza. Tu hai tanti veri motivi per cui posso offrirti questa Via Crucis, e di sicuro ne ha tanti di belli anche Maria. Ti offro questa Via Crucis, dunque, per queste cose, ma son sicuro che non puoi non volermi bene e che la puoi accogliere anche per queste mie intenzioni (dirle). Ti sono grato per le belle cose che farai per il mondo e per quanto ti ho chiesto, fidandomi che è nel modo migliore che farai ogni cosa e secondo un Piano che può essere superiore al mio. Dal profondo del mio cuore ti dico che Ti amo e voglio star con Te, e nell'attesa di stare con te nella Gloria, ti sto accanto nella sofferenza. Così inizio.


Stazione introduttiva – L'agonia di Gesù nel Gethsemani

Ti adoriamo o Cristo, e ti benediciamo, poiché con la tua Santa Croce hai redento il mondo.

Uscito se ne andò, come al solito, al monte degli Ulivi; anche i discepoli lo seguirono. Giunto sul luogo, disse loro: 'Pregate, per non entrare in tentazione'. Poi si allontanò da loro quasi un tiro di sasso e, inginocchiatosi, pregava: 'Padre, se vuoi, allontana da me questo calice! Tuttavia non sia fatta la mia, ma la tua volontà'. Gli apparve allora un angelo dal cielo a confortarlo. In preda all'angoscia, pregava più intensamente; e il suo sudore diventò come gocce di sangue che cadevano a terra” (Lc 22, 39-44).

Santa Madre, deh voi fate, che le piaghe del Signore, siano impresse nel mio cuore.

Padre nostro, tre Ave Maria, Gloria


Prima stazione – Gesù condannato dal sinedrio

Ti adoriamo o Cristo e ti benediciamo, poiché con la tua Santa Croce hai redento il mondo.

I capi dei sacerdoti e tutto il sinedrio cercavano una falsa testimonianza contro Gesù, per metterlo a morte; ma non la trovarono, sebbene si fossero presentati molti falsi testimoni” (Mt 26, 59-60).

Gesù:Non meravigliarti se qualche volta vieni sospettata ingiustamente. Io per primo, per amor tuo, ho bevuto quel calice di sofferenze ingiuste. Quando ero davanti ad Erode, imploravo per te la grazia, che tu sappia innalzarti sopra il disprezzo umano e sappia seguire fedelmente le mie orme”.

Santa Madre, deh voi fate, che le piaghe del Signore, siano impresse nel mio cuore.

Padre nostro, tre Ave Maria, Gloria


Seconda stazione – Gesù prende la Croce sulle spalle

Ti adoriamo o Cristo e ti benediciamo, poiché con la tua Santa Croce hai redento il mondo.

Allora Pilato fece prendere Gesù e lo fece flagellare. E i soldati, intrecciata una corona di spine, gliela posero sul capo e gli misero addosso un mantello di porpora. Poi gli si avvicinavano e dicevano: 'Salve, re dei Giudei!'” (Gv 19, 1-3).

Gesù:Non aver paura delle sofferenze. Io sono con te. Quanto più ami la sofferenza, tanto più puro sarà il tuo amore verso di me”

Santa Madre, deh voi fate, che le piaghe del Signore, siano impresse nel mio cuore.

Padre nostro, tre Ave Maria, Gloria


Terza stazione – Gesù cade per la prima volta

Ti adoriamo o Cristo e ti benediciamo, poiché con la tua Santa Croce hai redento il mondo.

Noi tutti eravamo sperduti come un gregge, ognuno di noi seguiva la sua strada; il Signore fece ricadere su di lui l'iniquità di noi tutti. Perciò io gli darò in premio le moltitudini, dei potenti egli farà bottino, perché ha spogliato se stesso fino alla morte ed è stato annoverato fra gli empi, mentre egli portava il peccato di molti e intercedeva per i colpevoli” (Is 53, 6.12).

Gesù:Le colpe involontarie delle anime non impediscono il mio amore (…) né mi sono d'ostacolo nell'unirmi ad esse; invece, le colpe anche quelle più piccole, ma volontarie, ostacolano le mie grazie, e non posso colmare tali anime dei miei doni”.

Santa Madre, deh voi fate, che le piaghe del Signore, siano impresse nel mio cuore.

Padre nostro, tre Ave Maria, Gloria


Quarta stazione – Gesù incontra sua Madre

Ti adoriamo o Cristo e ti benediciamo, poiché con la tua Santa Croce hai redento il mondo.

Simeone li benedisse e a Maria, sua madre, disse: 'Ecco, egli è qui per la caduta e la risurrezione di molti in Israele e come segno di contraddizione e anche a te una spada trafiggerà l'anima'” (Lc 2, 34-35).

Gesù:Sebbene tutte le opere, che sorgono per mia volontà, siano esposte a grandi sofferenze, tuttavia considera se ce n'è stata mai qualcuna di esse esposta a maggiori ostacoli dell'opera direttamente mia, l'opera della redenzione. Non devi preoccuparti troppo delle contrarietà”.

Santa Madre, deh voi fate, che le piaghe del Signore, siano impresse nel mio cuore.

Padre nostro, tre Ave Maria, Gloria


Quinta stazione – Gesù è aiutato da Simone di Cirene a portare la Croce

Ti adoriamo o Cristo e ti benediciamo, poiché con la tua Santa Croce hai redento il mondo.

Mentre lo conducevano via, fermarono un certo Simone di Cirene, che tornava dai campi, e gli misero addosso la croce da portare dietro a Gesù” (Lc 23, 26).

Gesù:Permetto le contrarietà per aumentare i suoi meriti. Do la ricompensa non per il risultato positivo, ma per la pazienza e la fatica sopportata per me”.

Santa Madre, deh voi fate, che le piaghe del Signore, siano impresse nel mio cuore.

Padre nostro, tre Ave Maria, Gloria


Sesta stazione – Veronica asciuga il volto di Gesù

Ti adoriamo o Cristo e ti benediciamo, poiché con la tua Santa Croce hai redento il mondo.

È cresciuto come un virgulto davanti a lui e come una radice in terra arida. Non ha apparenza né bellezza per attirare i nostri sguardi, non splendore per poterci piacere. Disprezzato e reietto dagli uomini, uomo dei dolori che ben conosce il patire, come uno davanti al quale ci si copre la faccia; era disprezzato e non ne avevamo alcuna stima” (Is 53, 2-3).

Gesù:Sappi che tutto ciò che fai di buono per qualsiasi anima, lo accetto come se lo avessi fatto a me stesso”.

Santa Madre, deh voi fate, che le piaghe del Signore, siano impresse nel mio cuore.

Padre nostro, tre Ave Maria, Gloria


Settima stazione – Gesù cade per la seconda volta

Ti adoriamo o Cristo e ti benediciamo, poiché con la tua Santa Croce hai redento il mondo.

Eppure egli si è caricato delle nostre sofferenze, si è addossato i nostri dolori; e noi lo giudicavamo castigato, percosso da Dio e umiliato” (Is 53, 4).

Gesù:La causa delle tue cadute dipende dal fatto che conti troppo su te stessa e ti appoggi troppo poco su di me. Sappi che da sola non puoi fare nulla. Senza un mio aiuto particolare, non sei nemmeno capace di ricevere le mie grazie”.

Santa Madre, deh voi fate, che le piaghe del Signore, siano impresse nel mio cuore.

Padre nostro, tre Ave Maria, Gloria


Ottava stazione – Gesù incontra le donne di Gerusalemme

Ti adoriamo o Cristo e ti benediciamo, poiché con la tua Santa Croce hai redento il mondo.

Lo seguiva una grande moltitudine di popolo e di donne, che si battevano il petto e facevano lamenti su di lui. Ma Gesù, voltandosi verso di loro, disse: 'Figlie di Gerusalemme, non piangete su di me, ma piangete su voi stesse e sui vostri figli'” (Lc 23, 27-28).

Gesù:Oh, quanto mi è gradita la fede viva! Desidero che nel momento presente ci sia in voi più fede”.

Santa Madre, deh voi fate, che le piaghe del Signore, siano impresse nel mio cuore.

Padre nostro, tre Ave Maria, Gloria


Nona stazione – Gesù cade per la terza volta

Ti adoriamo o Cristo e ti benediciamo, poiché con la tua Santa Croce hai redento il mondo.

Maltrattato, si lasciò umiliare e non aprì la sua bocca; era come agnello condotto al macello, come pecora muta di fronte ai suoi tosatori, e non aprì la sua bocca. Ma al Signore è piaciuto prostrarlo con dolori” (Is 53, 7.10a).

Gesù:Sappi che l'ostacolo più grande alla santità è lo scoraggiamento e l'inquietudine ingiustificata, che ti toglie la possibilità di esercitarti nelle virtù. Io sono sempre disposto a perdonarti. Ogni volta che me lo chiedi, esalti la mia Misericordia”.

Santa Madre, deh voi fate, che le piaghe del Signore, siano impresse nel mio cuore.

Padre nostro, tre Ave Maria, Gloria


Decima stazione – Gesù spogliato delle vesti

Ti adoriamo o Cristo e ti benediciamo, poiché con la tua Santa Croce hai redento il mondo.

I soldati poi, quando ebbero crocifisso Gesù, presero le sue vesti, ne fecero quattro parti – una per ciascun soldato – e la tunica. Ma quella tunica era senza cuciture, tessuta tutta d'un pezzo da cima a fondo. Perciò dissero tra loro: 'Non stracciamola, ma tiriamo a sorte a chi tocca'. Così si compiva la Scrittura” (Gv 19, 23-24a).

Faustina:Gesù si è presentato improvvisamente davanti a me privo delle vesti, coperto di piaghe su tutto il corpo, con gli occhi inondati di sangue e di lacrime, col volto deturpato, coperto di sputi. D'un tratto il Signore mi ha detto:

Gesù: La sposa deve essere simile al suo Sposo”.

Faustina: Compresi queste parole fino in fondo. Qui non c'è possibilità di alcun dubbio. La mia somiglianza con Gesù deve avvenire attraverso la sofferenza e l'umiltà”.

Santa Madre, deh voi fate, che le piaghe del Signore, siano impresse nel mio cuore.

Padre nostro, tre Ave Maria, Gloria


Undicesima stazione – Gesù è crocifisso

Ti adoriamo o Cristo e ti benediciamo, poiché con la tua Santa Croce hai redento il mondo.

Quelli che passavano di lì lo insultavano, scuotendo il capo e dicendo: 'Tu, che distruggi il tempio e in tre giorni lo ricostruisci, salva te stesso, se tu sei Figlio di Dio, e scendi dalla croce!'. Così anche i capi dei sacerdoti, con gli scribi e gli anziani, facendosi beffe di lui dicevano: 'Ha salvato altri e non può salvare se stesso! È il re d'Israele; scenda ora dalla croce e crederemo in lui. Ha confidato in Dio; lo liberi lui, ora, se gli vuol bene'” (Mt 27, 39-43).

Gesù:Mia discepola, abbi un grande amore per coloro che ti fanno soffrire. Fa' del bene a coloro che ti odiano”.

Santa Madre, deh voi fate, che le piaghe del Signore, siano impresse nel mio cuore.

Padre nostro, tre Ave Maria, Gloria


Dodicesima stazione – Gesù muore sulla Croce

Ti adoriamo o Cristo e ti benediciamo, poiché con la tua Santa Croce hai redento il mondo.

Era già verso mezzogiorno e si fece buio su tutta la terra fino alle tre del pomeriggio, perché il sole si era eclissato. Il velo del tempio si squarciò a metà. Gesù gridando a gran voce, disse: 'Padre, nelle tue mani consegno il mio spirito'. Detto questo, spirò” (Lc 23, 44-46).

Gesù:Tutto questo per la salvezza delle anime. Rifletti, figlia mia, su quello che fai tu per la salvezza delle anime”.

Faustina:Vidi Gesù inchiodato sulla Croce. Dopo che Gesù era rimasto appeso per un momento, vidi una schiera di anime crocifisse come Gesù. E vidi una terza schiera di anime e una seconda schiera di anime. La seconda schiera non era inchiodata sulla Croce, ma quelle anime tenevano saldamente la Croce in mano. La terza schiera di anime invece non era né crocifissa, né teneva la Croce in mano, ma quelle anime trascinavano la Croce dietro di sé ed erano insoddisfatte. Allora Gesù mi disse:”

Gesù:Vedi quelle anime che sono simili a me anche nella sofferenza e nel disprezzo? Le stesse saranno simili a me anche nella gloria. E quelle che assomigliano meno a me nella sofferenza e nel disprezzo? Le stesse assomiglieranno meno a me anche nella gloria”.

Santa Madre, deh voi fate, che le piaghe del Signore, siano impresse nel mio cuore.

Padre nostro, tre Ave Maria, Gloria


Tredicesima stazione – Gesù è deposto dalla Croce

Ti adoriamo o Cristo e ti benediciamo, poiché con la tua Santa Croce hai redento il mondo.

Visto ciò che era accaduto, il centurione dava gloria a Dio dicendo: 'Veramente quest'uomo era giusto'. Così pure tutta la folla che era venuta a vedere questo spettacolo, ripensando a quanto era accaduto, se ne tornava battendosi il petto” (Lc 23, 47-48).

Gesù:L'anima che mi è più cara è quella che crede fermamente nella mia bontà ed ha piena fiducia in me: le ricambio la mia fiducia e le do tutto quello che chiede”.

Santa Madre, deh voi fate, che le piaghe del Signore, siano impresse nel mio cuore.

Padre nostro, tre Ave Maria, Gloria


Quattordicesima stazione – Gesù è deposto nel Sepolcro

Ti adoriamo o Cristo e ti benediciamo, poiché con la tua Santa Croce hai redento il mondo.

Essi presero allora il corpo di Gesù e lo avvolsero con teli, insieme ad aromi, come usano fare i Giudei per preparare la sepoltura. Ora, nel luogo dove era stato crocifisso, vi era un giardino e nel giardino un sepolcro nuovo, nel quale nessuno era stato ancora posto. Là dunque, poiché era il giorno della Parasceve dei Giudei e dato che il sepolcro era vicino, posero Gesù” (Gv 19, 40-42).

Gesù:Ancora non sei nella patria, perciò va', fortificata dalla mia grazia e combatti per il mio regno nelle anime umane, combatti come figlia del Re e ricordati che i giorni dell'esilio passeranno presto e con essi la possibilità di acquistare meriti per il cielo. Da te mi aspetto un gran numero di anime, che glorificheranno la mia Misericordia per tutta l'eternità”.

Santa Madre, deh voi fate, che le piaghe del Signore, siano impresse nel mio cuore.

Padre nostro, tre Ave Maria, Gloria


Stazione finale – La Risurrezione di Gesù da morte

Ti adoriamo o Cristo e ti benediciamo, poiché con la tua Santa Croce hai redento il mondo.

Maria stava all'esterno vicino al sepolcro e piangeva. Mentre piangeva, si chinò verso il sepolcro e vide due angeli in bianche vesti, seduti l'uno dalla parte del capo e l'altro dei piedi, dove era stato posto il corpo di Gesù. Ed essi le dissero: 'Donna, perché piangi?'. Rispose loro: 'Hanno portato via il mio Signore e non so dove lo hanno posto'. Detto questo, si voltò indietro e vide Gesù che stava lì in piedi; ma non sapeva che era Gesù. Le disse Gesù: 'Donna, perché piangi? Chi cerchi?'. Essa, pensando che fosse il custode del giardino, gli disse: 'Signore, se l'hai portato via tu, dimmi dove lo hai posto e io andrò a prenderlo'. Gesù le disse: 'Maria!'. Essa allora, voltatasi verso di lui, gli disse in ebraico: 'Rabbunì!', che significa: Maestro!” (Gv 20, 11-16).

Faustina:Oggi durante la funzione Pasquale, ho visto il Signore Gesù in un grande splendore; si è avvicinato a me e mi ha detto: 'Pace a voi, figlioli miei!', ed ha alzato la mano ed ha benedetto. Le Piaghe delle mani, dei piedi e del costato non erano cancellate ma risplendenti. Poi mi guardò con tanta amabilità ed amore che la mia anima si immerse totalmente in lui e mi disse: 'Hai preso tanta parte alla mia Passione, per questo avrai tanta parte alla mia gloria ed alla mia gioia”.

Padre nostro, tre Ave Maria, Gloria


Preghiera dopo la Via Crucis

O mio Gesù, unica mia speranza, ti ringrazio per questo grande libro che hai aperto davanti agli occhi della mia anima. Il grande libro è la tua passione affrontata per amor mio. Da questo libro ho imparato come amare Dio e le anime. In esso sono racchiusi inesauribili tesori. O Gesù, quanto sono poche le anime che ti comprendono nel tuo martirio d'amore! Felice l'anima che ha capito l'amore del Cuore di Gesù!

Padre nostro, Ave Maria, Gloria (secondo le intenzioni del Sommo Pontefice e per la sua salute).






Vi dico che anche una sola Ave Maria detta bene può salvare un’anima.- Messaggio della Madonna di Capua, del 15-6-2011 - http://www.verginedegliultimitempi.com/apparizioni.htm – Ave Maria, piena di Grazia, il Signore è con te, tu sei benedetta fra le donne e benedetto è il frutto del tuo seno, Gesù. Santa Maria, Madre di Dio, prega per noi peccatori adesso e nell'ora della nostra morte. Amen.



E DIO disse all'Uomo: "Guarendovi da tutti i vostri peccati, avete guarito la vostra Terra ! Essa è veramente guarita e fecondata dal bene che si è sprigionato dal cuore di tutti gli uomini. L’Uomo è nato per ritrovare il cammino di DIO, che si era perduto nella notte del Tempi !

Ecco venire in piena Luce: I Cieli Nuovi con la Terra Nuova.

L’Uomo rieducato, intese allora DIO che gli diceva:

"Se l'Umanità si mette ad AMARE e a Perdonare, che farò allora di tutte quelle Profezie?“ (tante cose che riguardano i castighi apocalittici).

Pensateci !... Di fronte a così tanto sangue!” (e a tanto sangue che minaccia di correre a causa del peccato che ha sommerso la terra, e che Dio non vuole!).

Dio vede che qualcosa finalmente sta succedendo nel mondo, e si sta ricredendo sulla necessità di permettere parecchie cose per la purificazione delle anime, alquanto necessaria per poter entrare in Paradiso.

(da http://www.jnsr.be/it.htm parola di Dio del 24 Aprile 2011).





Scarica libroLettura libro da sitoAltri contenuti fortiMia musica - Forum




Quest'opera è consacrata al Cuore Immacolato di Maria.

Autore Oscar Lepore

oscarlepore@email.it

Sono presente anche su facebook con nome Oscar Lepore (quello nato il 9 luglio 1983).