Messaggio di Maria Santissima del 29 Maggio 2009 – Il destino


“Amati figli miei, io sono con voi. Molte persone credono che il destino sia ineluttabile, che non abbia altre vie. Io sono qui oggi a dirvi che a causa del peccato il destino dell'uomo era senza Dio, ma che egli ha fatto la promessa di un Salvatore, Gesù Cristo, che togliesse le bende dagli occhi a chi cerca la Luce. Fino al tempo di Gesù esisteva fortemente il destino, ma in una accezione molto umana. Con la Redenzione operata da mio Figlio per i battezzati si è sostituita un'altra legge, la vocazione, ovvero la chiamata, ad essere qualcuno. Questa chiamata è per ognuno di voi e supera le leggi dell'umanità e della spiritualità con una legge di libertà molto più in comunione con Dio, si può dire da amici, e imprevedibile. Se il destino dell'uomo lo teneva distanziato da Dio, chiamandolo Signore, il battesimo lo rende vicino, chiamandolo Padre, e fuori dalle logiche del mondo. Ogni uomo ha più strade che può percorrere, perché siete fatti liberi e Dio non si sottrae a questa libertà che vi ha donato e che diventa legge per Lui stesso. Cari figli, mentre leggete queste parole vi benedico e vi ringrazio.”