Messaggio di sant'Antonio di Padova del 13 Novembre 2012 – Sacerdoti, confessate

Amici cari, sono sant'Antonio. Parlo per i sacerdoti. Per favore, ascoltate. Da troppo tempo non si parla più del peccato. Se non lo fate voi, chi lo farà? Vi comportate come se non esistesse, ma esso esiste. Dovete confessare. Dovete parlare della confessione. È la cosa più importante dopo l'Eucarestia. Tutti si confessano se voi parlate bene della necessità di confessarsi. Il Sangue di Gesù lava i loro peccati e li salva, ma a voi è affidato il Sacramento, e voi dovete farlo desiderare. Gli uomini non hanno sensi di colpa perché non li istruite. Cosa credete, che perderete uomini se fate presente che esiste il peccato? Essi vi seguiranno. Parlate per favore della confessione e parlate perché il peccato sia conosciuto, affinché tutti si salvino. Io non sono esagerato, se voi confessate un'anima essa si sentirà liberata dai suoi peccati e sentirà la Grazia. Così ella darà gloria a Dio e voi sarete veri sacerdoti. Io vi esorto a prendere sul serio il vostro compito. Le cose classiche di un sacerdote sono le sole che hanno veramente importanza, non le opere di lieve entità, prendete sul serio il vostro compito. Vi benedico,

sant'Antonio da Padova.