Gesù Cristo, 22 settembre 2008

“Miei cari figli, Io vi ho generato alla vita spirituale con la mia vita, assieme alla mia Santa Madre. È accaduto particolarmente quando ho dato la mia vita per ognuno di voi, affinché poteste ricevere la Grazia che per mezzo mio vi unisce al Padre, e che a poco a poco vi porta ad una felicità duratura e senza limiti. Per amore vostro ho voluto farmi Pane e Vino per poter essere sempre con voi fino alla fine del mondo. Questo mio figlio, che ho generato con tanta fatica, è un mio strumento. In questo sito è inserito solo quello che Io gli accordo di mettere. Egli è sotto la tutela e l'aiuto di un buon sacerdote da me scelto. Quello che vi chiedo è di non guardare lui, ma di guardare Me, per capire meglio. Io sono presente e vi aspetto in ogni chiesa, per accogliervi e darvi pace e serenità. Guardando verso il tabernacolo saprete che Io sono lì dentro, e che mentre voi guardate Me, Io guardo voi, e nel silenzio, senza pensare a tante cose, potrete sentire la Mia Pace, che vi spiegherà molte più cose di quante possa spiegarvene un uomo. Questo mio piccolo strumento è ancora troppo debole infatti per spiegarvi cosa vive, e per il momento lo tengo in disparte. Quando Io glielo chiederò, scriverà una semplice testimonianza su quanto Io gli ho insegnato, e i metodi che Io gli ho rivelato per vivere con semplicità e felicità tutto questo. Se volete, cercate di leggere testimonianze di conversione, specialmente a Medjugorje, ed evitate per il momento scritti teologici, perché quello che ora mi sta a Cuore, è che attraverso più fonti conosciate l'Amore di Dio per voi. Infatti Io le cose più grandi le spiego nei modi più semplici. Se come questo mio figlio vi impegnerete ogni tanto a pregare per coloro che vi hanno fatto del male nella vita, sentirete la Mia Pace crescere in voi e si riverseranno su di voi tante mie grazie. Il fulcro del Vangelo è infatti proprio questo, la misericordia e il perdono. Chi comprende e applica questo arriva in breve a comprendere il significato profondo delle Mie parole e dei Miei atti, a coglierne l'essenza. Quanto più perdonerete quanto più riscoprirete la felicità di quando eravate bambini, e non sentirete più la fatica delle cose della vita. Avete visto la semplicità con cui vi è stata data questa testimonianza. Eppure chi ve la data porta una croce grande. Questo non è effetto della bravura di questo mio strumento, che come vi ho detto è ancora debole, ma della Mia Grazia che lo ha trasformato. Così voglio fare per voi, miei cari figli. Non intendo dire che voglio darvi croci pesanti, ma che voglio che viviate felici, fin nel più profondo del vostro cuore, perché per questo ho dato la Mia Vita per voi, e la strada per questo è la strada del perdono. Davanti al tabernacolo, man mano che liberate il vostro cuore, sentirete nella Pace sempre più chiara la Mia Voce, che si manifesta ad alcuni attraverso ispirazioni o illuminazioni, ad alcuni attraverso semplici e piccole parole, ad altri attraverso eventi del vissuto personale che riconoscerete toccati dalla Grazia di Dio. Quando avrete raggiunto la comunione con Me, sentirete nella Pace le Mie parole, e ciò vi darà grande Gioia, ma non pensate che questo avvenga in poche settimane, al massimo, nei primi tempi, sentirete qualche piccola indicazione. Io parlo nella Pace e nel silenzio interiore, con parole calde, accoglienti e ricche di dolcezza. Ascoltate solo quelle. Mia Madre Maria vi può aiutare a perdonare, attraverso la recita del Santo Rosario, non come preghiera meccanica, ma come colloquio d'Amore con il Cielo. Ma se ciò vi sembra pesante Io accoglierò con Gioia ogni singola Ave Maria che direte sinceramente. Quando avete tempo, se lo desiderate, venite a farmi una piccola visita. Fermatevi un attimo, ascoltatemi, e Io vi infonderò la Pace e la Gioia per proseguire bene la vostra giornata. So che vi può parere strano, ma Io ho dato ai sacerdoti il mandato di perdonare in Mio Nome, e se vi sentite, con libertà, potete venire a parlarmi dei vostri peccati, dei vostri errori, delle vostre difficoltà, anche nei rapporti con gli altri, ed Io sarò felice di liberarvi e di darvi in cambio Pace, Gioia e Felicità e buon aiuto nei rapporti col vostro prossimo. Il modo più efficace di mantenere questa Gioia è quello di continuare a perdonare e liberare il cuore, finché esso sarà fresco come quello di un bambino appena battezzato. Non preoccupatevi di fare le cose in fretta. Io lavoro nella Pace. Se volete, nella Santa Messa potrete trovare una fonte inestinguibile di Amore, offritemela per i vostri cari, per le persone che vi stanno a cuore, e per coloro che vi fecero soffrire, e Io potrò guarire le vostre ferite e migliorare i vostri rapporti con loro. Cari figli, Io vi Amo immensamente. L'amore di tutti gli uomini del mondo, non è grande quanto il Mio Amore per ognuno di voi. Ad ognuno di voi ho pensato durante la Mia Passione. Quello che non avete compreso della vostra vita e delle cose di questo mondo, Io posso spiegarvelo a poco a poco alla Luce delle eterne Verità. Io sono la Verità e la Vita, in Me potrete trovare la pienezza dell'Amore. Vi affido a Mia Madre, cari figli, Ella si presenta semplice ed umile, ma è la strada più diretta per arrivare alla Gioia del Paradiso, per Vivere eternamente insieme tra le meraviglie del Padre Mio e Padre vostro. Egli vi Ama. In Me riconoscerete il Suo Amore, e allora capirete tutto. Io sono nel tabernacolo ad aspettarvi per benedirvi sempre di più. Vi Amo figli Miei. Vi ringrazio per avermi ascoltato.

Il vostro Gesù, prigioniero d'Amore nell'ostia consacrata.”