La Potenza della Croce - Entrare nella Risurrezione

l'insegnamento mistico-carismatico cattolico più completo

Home - Scarica libroLettura libro da sitoMessaggi Gesù e MariaAltri contenuti fortiMia musicaForum





 



Gli errori delle altre confessioni cristiane e religioni (tratto da "La potenza della Croce")


Perché accontentarsi di una fede incompleta? Perché fermarsi a confessioni cristiane che non accolgono la totalità della salvezza? C'è forse qualcosa che non è presente nella Chiesa Cattolica o una Chiesa che può dichiararsi più pura e composta di uomini più perfetti con idee più perfette? C'è forse l'impossibilità di vivere il proprio carisma all'interno della Chiesa Cattolica? Pensiamoci...


La Chiesa ortodossa dice che lo Spirito Santo procede solo dal Padre, e non dal Figlio, che il Purgatorio non esiste ed è importante solo la Risurrezione e non granché la Passione di Cristo. Ma non è accaduto che Gesù dicesse 'Pace a voi! Pace a voi! Come il Padre ha mandato me, anch'io mando voi'. Dopo aver detto questo, alitò su di loro e disse: 'Ricevete lo Spirito Santo; a chi rimetterete i peccati saranno rimessi e a chi non li rimetterete, resteranno non rimessi'" (Gv 20, 21-23). Come avrebbe potuto alitare perché gli apostoli ricevessero lo Spirito Santo se lo Spirito non potesse procedere anche da Lui? L'Amore non è ciò che unisce? Ma è solo il Padre ad amare il Figlio, o anche il Figlio ad amare il Padre? E in virtù di Chi noi possiamo ricevere lo Spirito Santo, se non per la presenza in noi di quella Carne e di quel Sangue che ci danno la salvezza, la Carne e il Sangue di Gesù? Potremmo riceverlo da noi stessi, senza Gesù?

Sul giudizio personale san Paolo dice l'opera di ciascuno sarà ben visibile: la farà conoscere quel giorno che si manifesterà col fuoco, e il fuoco proverà la qualità dell'opera di ciascuno (giudizio personale). Se l'opera che uno costruì sul fondamento resisterà, costui ne riceverà una ricompensa (Paradiso); ma se l'opera finirà bruciata, sarà punito: tuttavia egli si salverà, però come attraverso il fuoco (Purgatorio)(1Cor 3, 13-15), mi sembra una cosa chiara, no?

Infine Gesù parla tre volte della Sua passione, morte e risurrezione, nel Vangelo. Non si ferma alla Risurrezione ma mette sempre in luce l'importanza della Croce. Si può avere risurrezione senza passione e morte? Si può avere un lavoro ben fatto senza impegno, fatica e a volte sofferenza su di esso? Si può avere la stessa soddisfazione del risultato se non ci si avesse messo tanta passione nell'andarci incontro? Così, quello che il Signore ha sofferto per la salvezza di ognuno di noi ha importanza infinita allo stesso livello del fatto che è risorto e che siamo chiamati a risorgere con Lui, e forse anche di più perché Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la vita per i propri amici” (Gv 15, 13).

Con la preghiera di Gesù “Signore Gesù Cristo figlio del Dio vivente, abbi pietà di me peccatore” si arriva certamente alla Risurrezione, come molti esicasti cercano di fare, ma devo dire che è molto più facile arrivarci stando davanti alla Croce pregando per sé e per tutti mentre si contempla la Passione di Gesù.


I protestanti preferiscono star dietro un uomo che non ha fatto nessun miracolo, che ha fatto di testa sua e ha provocato scisma e migliaia di morti e che ha tolto i sacramenti come fossero cosa da nulla, a preferire di seguire i migliaia di santi e martiri che hanno dato vita, opere e miracoli a tutti gli uomini attestando così che la presenza totale di Cristo è nella Chiesa Cattolica. Non ha forse detto Gesù a chi rimetterete i peccati saranno rimessi e a chi non li rimetterete, resteranno non rimessi" (Gv 20, 23)? Voi che ascoltate con tanta perfetta logica la Parola non arrivate a capire che la confessione dei vostri peccati è nelle mani dei sacerdoti, prima che a voce in un rapporto colloquiale con Dio? È la Sua volontà.

E Gesù non disse anche 'In verità, in verità vi dico, voi mi cercate non perché avete visto dei segni, ma perché avete mangiato di quei pani e vi siete saziati. Procuratevi non il cibo che perisce, ma quello che dura per la vita eterna, e che il Figlio dell'uomo vi darà. Perché su di lui il Padre, Dio, ha messo il suo sigillo'" (Gv 6, 26-27). Non è la cosa più logica che Gesù parlasse del cibo celeste, l'Eucarestia, di cui aveva appena dato il preconcetto di quello che sarebbe avvenuto nelle chiese con le migliaia di persone che avevano ricevuto il pezzo di pane dopo la sua preghiera? San Paolo non aveva forse parlato su di essa quando parla di discernere su cosa si sta ricevendo o che c'erano parecchi malati in una comunità perché si viveva il momento eucaristico come una cosa tra le altre? Egli dice Perciò chiunque in modo indegno mangia il pane o beve il calice del Signore, sarà reo del corpo e del sangue del Signore. Ciascuno, pertanto, esamini se stesso e poi mangi di questo pane e beva di questo calice; perché chi mangia e beve senza riconoscere il corpo del Signore, mangia e beve la propria condanna. È per questo che tra voi ci sono molti ammalati e infermi, e un buon numero sono morti” (1Cor 11, 27-30). Proprio voi che studiate e interpretate le Scritture in maniera tanto diretta e tanto vi formate su di esse, avete la vergogna di non conoscerle e accettarle nella loro interezza? Non sapete che le nostre mancanze di unità sono scandalo a chi vorrebbe un porto sicuro e non sa di chi fidarsi? La salvezza di tutti non è forse nostro compito più che filosofeggiare sulle posizioni diverse da cui vediamo il Sole? Il problema è la ricchezza della Chiesa Cattolica? Siete forse poveri voi? Il problema è forse il Papa? Gesù non ha forse detto al capo degli apostoli Tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia chiesa e le porte degli inferi non prevarranno contro di essa. A te darò le chiavi del regno dei cieli, e tutto ciò che legherai sulla terra sarà legato nei cieli, e tutto ciò che scioglierai sulla terra sarà sciolto nei cieli'" (Mt 16, 18-19)? Si è forse esaurito tutto questo nelle poche cose che ci son rimaste di san Pietro e nelle sue due lettere, finito il tutto con la sua morte, o forse era la certezza dogmatica che possiamo fidarci di Pietro e dei suoi legittimi successori, quello che Gesù ci voleva dare? Chi vuole seguire Gesù deve accettare il Nuovo Testamento, non quello che gli piace. Gli scismi e le eresie (dottrine che tolgono grazia) vengono dal cercare ciò che ci piace. Non sono generate da Dio, nella beatitudine come Pietro ('Beato te, Simone figlio di Giona, perché né la carne né il sangue te l'hanno rivelato, ma il Padre mio che sta nei cieli'”, Mt 16,17), sono generate dal seguire la carne e il sangue, anche se dentro sé hanno idee buone, che avrebbero però dovuto essere al servizio della Chiesa di Gesù e non contro.


La Chiesa anglicana preferisce 39 piccoli precetti a un sostanzioso Catechismo della Chiesa Cattolica su cui c'è la sapienza di una Chiesa intera, e di persone che veramente hanno sudato sulla fede e fatto opere degne della conversione; ha come capo una persona che non è certo la più indicata a svolgere ruolo religioso e accettano tranquillamente che le donne possano avere ruolo di preti, quando né Maria Santissima né le discepole hanno avuto questo da Gesù o dalla Chiesa primitiva. Forse che noi uomini cerchiamo di avere ciò che non è nostro, il dono della generazione dei figli in noi? Non è cosa che ci è stata data. Così le donne non devono cercare l'orgoglio di essere femmine migliori, emancipate, perché il loro esempio è Maria e il loro compito è concepire uomini alla santità con la fecondità del loro amore e preghiera, dandoli al Cielo.


I testimoni di Geova credono solo nella Parola di Dio e non credono nella tradizione della Chiesa che è semplicemente la parola e l'esempio di santi che hanno seguito fedelmente Cristo fino alla morte. Che io sappia non c'è nessuno che abbia fatto un miracolo tra i testimoni di Geova, e ciò dovrebbe bastare a capire. Seguono la Scrittura così tanto accanitamente, però, che solo la Parola ha importanza, e neanche il Suo significato più profondo è importante. Ed è da ridere come seguono la Parola di Dio... leggono una cosa e dicono che vuole dire un'altra! È come guardare allo specchio la propria faccia e vedere solo la propria pelle, senza rendersi conto che c'è anche la carne, le ossa e il sangue dietro. È un legame con la Scrittura di ragione, senza grande influsso della Grazia. A loro non si può neanche spiegare le cose con la Scrittura perché hanno traduzioni tutte loro e al posto di credere alla Chiesa Cattolica che, tutto sommato, ha sempre le stesse cose e idee da duemila anni, credono nelle interpretazioni e idee di una oscura e poco chiara Torre di guardia situata a New York, che già dal nome ha sapore di una cosa troppo mentale e che poco ha a che vedere con quel Gesù che è venuto a chiamare non i giusti, ma i peccatori. Loro infatti fanno i perfetti nella giustizia, ma con quali idee? Quando si crede che Gesù è la prima creatura di Dio, e non Colui che da Dio è stato generato, come si fa ad accogliere la novità del Vangelo e a capire che siamo chiamati a diventare degli dei con Lui, partecipando della Sua grazia divina? Ma loro non sono coerenti con quello che insegna il Nuovo Testamento, hanno una idea personale e traduzioni sbagliate adatte alle loro idee. Credono che Gesù è morto su un palo, e non su una croce. Credono che quando si muore non si esiste più fino alla fine del mondo, e che quel giorno solo i buoni risorgeranno per la vita eterna, mentre i cattivi non avranno l'inferno, né esisteranno più. Leggono il Vangelo che dice delle cose abbastanza chiare, e ne credono altre, dicendo poi che sono basati sulla Bibbia! Di queste cose ne hanno molte...

Non è che avere una fede in comune voglia dire dover avere le stesse idee appiattendo il proprio pensiero personale come inutile e senza importanza, diventando dei cervelli vuoti uniti insieme – la verità è una cosa che libera interiormente, non che opprime – ma è avere in comune che si è incontrato il Risorto e portare ognuno il proprio arricchimento alla comunità. Questo succede in una fede che può salvare, questo non succede nei testimoni di Geova. È una fede piena di menzogna questa, porta all'inferno.


Gli evangelici credono che noi abbiamo comportamenti eretici e fuori dall'insegnamento della Sacra Scrittura, poiché veneriamo Maria e le chiediamo grazie, e altre cose. Intanto la dottrina della Chiesa Cattolica, la chiesa che è fondata su Pietro, non può avere in sé dottrine eretiche, e soprattutto dottrine che portano agli inferi, perché Gesù ha detto "E io ti dico: Tu sei Pietro e su questa pietra edificherò la mia chiesa e le porte degli inferi non prevarranno contro di essa. A te darò le chiavi del regno dei cieli, e tutto ciò che legherai sulla terra sarà legato nei cieli, e tutto ciò che scioglierai sulla terra sarà sciolto nei cieli" (Mt 16, 18-19). Se dice che le porte degli inferi non prevarranno contro la chiesa fondata su Pietro, vuol dire che non può esserci nella fede comune della Chiesa Cattolica mai alcuna cosa che apre le porte dell'inferno. Ci possono essere falsi servi di Cristo ma non eresie. Una chiesa che è nata negli ultimi secoli e che non fa parte della Chiesa Cattolica nelle sue idee non può dire di essere fondata su Pietro, solo la Chiesa Cattolica può dire questo, è la sola chiesa fondata su Pietro. Gesù non avrebbe parlato di chiesa fondata su Pietro se avesse voluto intendere tutti i credenti in Lui anche con fedi diverse, perché il fatto che abbiamo idee diverse in cui di sicuro da qualche parte si sbaglia, e che ci confutiamo tra di noi, significa che sono chiese diverse, infatti essere chiesa insieme vuol dire aderire alla fede comune. Quindi dare degli eretici ai cattolici perché pregano il Rosario quando la stessa Parola in cui gli evangelici dicono di credere dice che non è così la cosa, che non ci può essere una dottrina falsa nella Chiesa di Pietro, è una bestemmia contro lo Spirito Santo; forse in certi casi piccola, forse non abbastanza grande da portare a perdersi se l'atteggiamento è umile, di persona che non riesce a capire, a vederci chiaro, ma è e resta una bestemmia. Si viene salvati sicuramente per altri motivi ma in quella cosa non si ha perdono, se si resta su quella idea. Questa è l'ennesima dimostrazione che è la Chiesa Cattolica quella che ha in sé la pienezza della salvezza e che aderire al suo insegnamento dà sicura salvezza. Va solo conosciuta e vissuta, ma è tra di noi che c'è più carisma se crediamo veramente alla nostra fede (il Rinnovamento nello Spirito Santo lo conferma). Inoltre quello che dice il Papa va bene sempre, perché a lui sono date le chiavi del Regno dei Cieli, e quello che lega sarà legato anche nei cieli e quello che scioglie sarà slegato anche nei cieli; c'è sicuramente salvezza in quello che dice il Papa perché le chiavi per il Regno dei Cieli le ha lui, quindi quello che dice lui dà sempre salvezza e sicurezza, anche se non lo si capisce. Solo se si trattasse di un uomo che usurpa il posto del Papa di sua volontà e forse per violenza eliminando il Papa esistente, un uomo che non è eletto dai vescovi, come ad esempio dicono molte profezie sul falso profeta che affiancherà l'anticristo, non ci sarebbe da credergli. In caso normale la sua parola è buona.

Ma se c'è chi dice che non siamo perfettamente aderenti alla Sacra Scrittura, proviamo a vedere le cose.

Sull'Eucarestia è già stato detto prima, Gesù non avrebbe detto che ci avrebbe dato un cibo che dura per la vita eterna se poi quel Pane e quel Vino che ha dato non fossero veramente Lui. Se il cibo di questo tipo avesse solamente un significato spirituale, come fare la Volontà di Dio ogni giorno, Egli non avrebbe dato il Pane e il Vino dopo aver detto quelle parole. È una cosa che farebbe confusione. D'altronde san Paolo ha detto Parlo come a persone intelligenti; giudicate voi stessi quello che dico: il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse comunione con il sangue di Cristo? E il pane che noi spezziamo, non è forse comunione con il corpo di Cristo? Poiché c'è un solo pane, noi, pur essendo molti, siamo un corpo solo: tutti infatti partecipiamo dell'unico pane” (1 Cor 10, 15-17). Le parole sono chiare ed esplicite, perché dovrebbero significare altre cose? Non si può dire che la propria dottrina è quella giusta e che sono loro quelli che seguono pienamente la Bibbia, se poi si rifiuta la transustanziazione nonostante la Parola ne afferma la veridicità.

Sulla comunione dei Santi che gli evangelici confutano Gesù dice che "Il regno dei cieli si può paragonare a un granellino di senapa, che un uomo prende e semina nel suo campo. Esso è il più piccolo di tutti i semi ma, una volta cresciuto, è più grande degli altri legumi e diventa un albero, tanto che vengono gli uccelli del cielo e si annidano fra i suoi rami" (Mt 13, 31-32). Chiedevo a Dio se c'è un passo della Bibbia che parla della Comunione dei Santi perché non sapevo come spiegare agli evangelici che è una cosa buona e secondo Dio e che non è un'invenzione nostra ma una cosa data dallo Spirito Santo. Mezz'ora dopo averlo chiesto, mentre facevo le mie cose, improvvisamente mi è entrato il pensiero di questo passo e il suo significato chiaro, senza ragionarci. Esso vuol dire che quando uno crede nel Regno di Dio proposto da Gesù finisce per crescere ogni giorno nella conoscenza e comprensione di questo regno, comprensione non solo filosofica o teologica ma data proprio dalla vita quotidiana di ogni giorno a contatto con Dio (nelle riunioni di preghiera carismatica ci si accorge ancora di più di questo), e che quando questa comprensione (conversione al Regno dei Cieli) è diventata grande, pure gli "uccelli del cielo", gli abitanti del Cielo, vengono dove c'è questa fede così forte ed entrano in rapporto e aiutano, ovvero c'è comunione. È scritto sì che a Dio solo dobbiamo rivolgere la nostra preghiera (Mt 4, 10), ma la preghiera che rivolgiamo ai santi e agli angeli ha sempre come punto focale Dio e non loro e quello che otteniamo è solo secondo Dio perché quello che fanno queste persone è nel Nome di Gesù, come persone in comunione con Lui. San Giovanni Apostolo infatti ha scritto Poi guardai ed ecco l'Agnello ritto sul monte Sion e insieme centoquarantaquattromila persone che recavano scritto sulla fronte il suo nome e il nome del Padre suo” (Ap 14, 1). Loro vivono in Dio e per Dio, è una comunione data dallo Spirito Santo, non è la stessa cosa di chiedere grazie a idoli autoreferenziali che ci siamo fatti noi. La parabola di Gesù che altre spiegazioni potrebbe avere? Ci sono altri "uccelli del cielo" che potrebbero avere a che fare con questa parabola? Oppure quel granello di senapa non è più la fede che ognuno di noi credenti ha dentro? E Dio che è Onnisciente, Onnipotente, Onnipresente, avendo a che fare con me che gli faccio questa domanda e che ho buona volontà e desidero la Verità sinceramente per me e per gli altri, potete pensare che avrebbe risposto così alla mia preghiera, in questo modo, se non vuole eresie? Riuscite a pensare che si sarebbe comportato così dandomi una chiara e semplice spiegazione logica alla parabola, con semplicità da bambino, se questo è una cosa che fa veramente male alla fede e porta le persone in una strada che fa male? Quando si chiede a Dio di aiutarci a comprendere la Verità Lui ci aiuta. Inoltre Gesù, che ha detto di se stesso che è la Via, la Verità e la Vita, ha anche mostrato un chiaro esempio di comunione dei Santi con le persone del Cielo, quando sul monte Tabor era intento a parlare con Mosé ed Elia che avevano finito la loro vita sulla terra da secoli. Dunque Gesù ci ha mostrato e donato la comunione dei Santi, che è un avere comunione coi Santi del Cielo nell'unica fede e adorazione di Dio Padre e di Gesù Cristo nostro comune Signore. La comunione dei Santi non allontana da Dio e da Gesù, come fanno gli idoli senza vita che uniscono ai demoni, ma anzi i Santi fortificano ancora di più questa comunione con Dio e Gesù, e le grazie che si ottengono da loro sono tante!

Sulla venerazione non è che sia cosa sbagliata, non ha detto Maria D'ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata” (Lc 1, 48)? Per Maria è chiaro che è una cosa normale che si veneri una persona anche dopo la sua morte, se è stata molto vicina a Dio. Se noi cattolici facciamo quello che la Parola dice riguardo Maria, perché considerarci eretici? Venerare i santi vuol dire anche glorificare Dio, ed è lecito, infatti san Paolo dice egli verrà per esser glorificato nei suoi santi ed esser riconosciuto mirabile in tutti quelli che avranno creduto” (2Ts 1, 10). San Paolo dice sempre di avere tanto rispetto e venerazione gli uni degli altri, perché con la morte dovrebbe finire il rispetto di chi ha glorificato Dio, diventando grande testimonianza della potenza e dell'amore di Dio? Essi sono vivi, mica morti, lo ha detto anche Gesù. Tra l'altro in questo versetto Paolo fa differenza tra i santi e i credenti, dicendo che i santi son quelli che glorificano di più Dio. Ancora difficoltà a credere che i santi possano ricevere gloria per il loro aver seguito Dio sul serio? sia glorificato il nome del Signore nostro Gesù in voi e voi in lui, secondo la grazia del nostro Dio e del Signore Gesù Cristo” (2Ts 1, 12), dice poco dopo san Paolo. Quindi se noi chiediamo grazie ai santi essi glorificheranno Dio e saranno glorificati anche loro, cosicché l'uomo sappia che la vera gloria viene dall'aver servito Dio. Detto questo il resto è solo parola di uomini contro la potenza dello Spirito Santo che si è manifestata nei milioni di miracoli avvenuti per intercessione dei santi.

Sul fatto che Dio ha comandato di non farsi immagini di Lui nell'Antico Testamento, è perché da noi stessi avremmo prodotto le nostre idee di Lui, e invece era Lui a volerci dare l'immagine vera di Lui, in Gesù Cristo. Farsi immagini ora ha senso e non può andare fuori strada, perché la abbiamo ricevuta da Dio.

Sul Purgatorio ho già detto, il passo biblico c'è, di san Paolo (1Cor 3, 13-15), quindi non si può dire che è la loro la miglior comprensione della Parola. Noi negli ultimi tempi facciamo poco e meno di altri quello che la Parola chiede, ad esempio evangelizzare, e non siamo poveri come Gesù ci ha insegnato, ma la completezza della Verità e dottrina è alla Chiesa di Pietro che Gesù la ha data.

Sull'importanza delle opere per chi vuole entrare nel Regno dei Cieli Gesù ha detto Non chiunque mi dice: Signore, Signore, entrerà nel regno dei cieli, ma colui che fa la volontà del Padre mio che è nei cieli” (Mt 7, 21). Sicuro che la prima volontà del Padre è che noi conosciamo ogni giorno di più Gesù Cristo, accogliendo sempre di più Lui nella nostra vita e in noi (Non son più io che vivo, ma è Cristo che vive in me”, Gal 2, 20), ma è anche che con Gesù ci accorgiamo del povero che non ha niente da mangiare né un po' di soldi per comprarsi qualcosa, che ci accorgiamo del fratello afflitto e lo aiutiamo (ero affamato e mi avete dato da mangiare”, Mt 40, 35), è anche che diffondiamo la Parola ed è anche che ci accorgiamo del nonno che ha bisogno di essere accudito, di sentire che gli si vuole bene e che è importante. Gesù nella parabola delle dieci vergini invita a prepararsi per tempo alle nozze coll'essere premuniti d'olio (Mt 25, 1-12), e queste sono cose importanti per averne. Certo che l'olio simboleggiano soprattutto la grazia e lo Spirito Santo, ma se io non faccio quello che dice la Parola, soprattutto pregare e seguire i comandamenti, non posso dire di averne abbastanza. Non è a quelli che fanno questo che Gesù dice via da me maledetti” (Mt 25, 31-46), ma a quelli che non hanno avuto a cuore gli altri e i loro bisogni facendo qualcosa per loro. Le opere però sono conseguenze della fede o almeno della coscienza, perché senza di esse sono morte. Dare un po' di soldi a un povero senza sentimenti in sé è un'opera vuota, non basta alla salvezza. Ma non siete ancora sicuri che servono anche le opere? Allora sentiamo san Giacomo: Così anche la fede: se non ha le opere, è morta in se stessa. Al contrario uno potrebbe dire: Tu hai la fede ed io ho le opere; mostrami la tua fede senza le opere, ed io con le mie opere ti mostrerò la mia fede. Ma vuoi sapere, o insensato, come la fede senza le opere è senza calore? Abramo, nostro padre, non fu forse giustificato per le opere, quando offrì Isacco, suo figlio, sull'altare? Vedi che la fede cooperava con le opere di lui, e che per le opere quella fede divenne perfetta e si compì la Scrittura che dice: E Abramo ebbe fede in Dio e gli fu accreditato a giustizia, e fu chiamato amico di Dio. Vedete che l'uomo viene giustificato in base alle opere e non soltanto in base alla fede. Così anche Raab, la meretrice, non venne forse giustificata in base alle opere per aver dato ospitalità agli esploratori e averli rimandati per altra via? Infatti come il corpo senza lo spirito è morto, così anche la fede senza le opere è morta” (Gc 2, 17-26). C'è forse bisogno di dirlo più chiaro? Eppure molti fra voi credono che solo la fede è necessaria e importante, e le opere non hanno importanza perché Cristo ha già fatto tutto. È evidente che forse non leggete tanto la Bibbia come dite di farlo scrupolosamente.

Su Maria gli evangelici hanno idee molto inferiori a quella che dovrebbe essere normale per la Madre di Dio. Che Lei sia grandemente onorabile lo dimostra che è la Donna descritta da Giovanni nel capitolo 12 dell'Apocalisse. Gli evangelici, visto che devono rimanere in linea con la loro idea di non avere una idea troppo santa di quella che è la Madre di Dio, dicono che è Israele, che è una metafora di Israele. Ma perché Israele dovrebbe essere incinta e con le doglie del parto e partorire un figlio destinato a governare tutte le nazioni? E perché dovrebbe essere Israele ad essere quella donna vestita di sole, ovvero di Spirito Santo, quando è Maria che è stata riempita dallo Spirito Santo nella Pentecoste insieme agli apostoli, rappresentati appunto dalle dodici stelle che sono sulla sua testa? Perché dovrebbe essere vestita di sole Israele che ha rifiutato Gesù e Lo ha condannato e Lo ha ucciso e ha detto il Suo Sangue ricada su di noi e sui nostri figli” (Mt 27, 25)? Perché dovrebbe essere Israele che è macchiata di Deicidio? Perché dovrebbe essere Israele che da duemila anni, anche se per millenovecento è stata in diaspora ovunque, continua a credere che la benedizione e la preferenza di Dio siano l'avere soldi e potere politico? È Maria invece, tanto onorabile e preziosa e rispettabile che Gesù sulla croce la ha data all'unico che ha saputo stare vicino alla croce nell'ora della prova, Giovanni. Non è stato in un altro momento, per esempio dopo risorto a tutti gli apostoli riuniti. E il modo in cui la ha data come Madre è solenne, ha dei significati.
Che Lei sia stata vergine come dice la Chiesa Cattolica e non abbia avuto altri figli con Giuseppe, lo prova il fatto che Lei è stata data a Giovanni in affido, quando Gesù stava morendo, e che
da quel giorno il discepolo la prese con sé in casa sua” (Gv 19, 26-27). Non sarebbe successo così se fosse diversamente, Maria avrebbe continuato a vivere coi fratelli di Gesù con cui avrebbe dovuto già vivere fino allora. Il Vangelo chiama fratelli anche i cugini, e la Chiesa fin dall'inizio ha tramandato che erano cugini. Perché Giacomo, fratello di Giuda Taddeo, di Simone e di Giuseppe sarebbe stato chiamato Giacomo di Alfeo nella Sacra Scrittura quando vengono dati i nomi degli apostoli, se fosse figlio di Giuseppe? Scritti come quello de “l'Evangelo come mi è stato rivelato” hanno confermato queste cose, e centinaia di apparizioni di Gesù e Maria nei secoli hanno custodito questa idea, loro non hanno mai detto che le cose stanno diversamente. La idea che hanno gli evangelici di Maria è una idea piccola. Invece Maria è semplicemente la donna che ha fatto la volontà di Dio in tutto, l'unica persona che nella Bibbia sia mai stata lodata e venerata da un angelo, la donna che ha ricevuto lo Spirito Santo e che gli è stata fedele in ogni Sua ispirazione, fino a diventare la donna vestita di sole da tanto ne è piena e da tanto perfetta è stata la sua condotta.

Se non riescono a dare spiegazioni diverse e coerenti con la Parola di Dio di questi versetti, gli evangelici non possono dire di essere quelli che seguono la Parola di Dio in tutto e che hanno la idea giusta. Queste cose testimoniano che è la Chiesa Cattolica quella che ha la verità completa e la salvezza totale. Questo non vuol dire che essi non possono salvarsi, se hanno profonda fede, ma sono in eresia, a volte comunque il loro modo di vivere è ben più convertito di quello di tanti cattolici che credono di aver fatto tutto con una Messa la domenica. Ma hanno delle cose in cui sbagliano e su cui la Parola non gli dà ragione. Parlo come persona che semplicemente ha dato spiegazione logica a quello che la Chiesa Cattolica ha sempre detto. Sul fatto che spesso non ci comportiamo da fedeli veri e siamo in generale meno carismatici mi lascio confutare quanto volete. Ma se volessero aderire alla vera fede della Chiesa Cattolica in essa c'è il Rinnovamento nello Spirito Santo, dove i carismatici abbondano a volontà!


Chi appartiene ad altre religioni non è pregiudicato dalla salvezza, perché non è solo il seguire Gesù come persona fisica che salva, ma anche tutto ciò che Egli rappresenta. Ciò vuol dire che se uno segue praticamente il Vangelo, anche se non sa di stare facendo questo, si rende degno della salvezza anche lui. Però è chiaro che una volta che si ha ricevuto un serio annuncio del Vangelo, ci si salva solo con il Vangelo.


Gli ebrei cercano il controllo del mondo, la ricchezza e la sottomissione di tutti i popoli al loro un po' troppo, in virtù di una loro fede che avranno un messia che gli darà questo. Essi dimenticano una fede basata sulle opere di bene e sul rispetto altrui che portano veramente a Dio, poiché È forse come questo il digiuno che bramo, il giorno in cui l'uomo si mortifica? Piegare come un giunco il proprio capo, usare sacco e cenere per letto, forse questo vorresti chiamare digiuno e giorno gradito al Signore? Non è piuttosto questo il digiuno che voglio: sciogliere le catene inique, togliere i legami del giogo, rimandare liberi gli oppressi e spezzare ogni giogo? Non consiste forse nel dividere il pane con l'affamato, nell'introdurre in casa i miseri, senza tetto, nel vestire uno che vedi nudo, senza distogliere gli occhi da quelli della tua carne? Allora la tua luce sorgerà come l'aurora, la tua ferita si rimarginerà presto. Davanti a te camminerà la tua giustizia, la gloria del Signore ti seguirà(Is 58, 5-8). Ma quando si ha Dio vicino si rischia anche di credersi liberi di avere potere su tutti, invece di pensare al loro bene.

Non ha forse Davide detto anche il mio corpo riposa al sicuro, perché non abbandonerai la mia vita nel sepolcro, né lascerai che il tuo santo veda la corruzione” (Sal 16, 9-10). Forse che Davide ha il corpo intatto e mai si è corrotto, forse che la carne di Davide non è più in un sepolcro? E disse, un po' come Isaia in alcune sue parole: Un branco di cani mi circonda, mi assedia una banda di malvagi; hanno forato le mie mani e i miei piedi, posso contare tutte le mie ossa. Essi mi guardano, mi osservano: si dividono le mie vesti,
sul mio vestito gettano la sorte”
(Sal 22, 17-19). Forse che a Davide hanno forato mani e piedi, hanno diviso le sue vesti e fatto la sorte sul vestito? A me sembra una descrizione perfetta della Passione di Gesù, e non solo in questi versetti ma nell'intero salmo.

Può essere che il problema vero sia capire che il Messia vero può essere Dio, un problema davanti a cui neppure i miracoli di Gesù e dei suoi apostoli e discepoli bastarono a svegliare ai suoi tempi e anche oggi. Non dice Davide del Messia che Dio gli dice 'Tu sei mio figlio, io oggi ti ho generato. Chiedi a me, ti darò in possesso le genti e in dominio i confini della terra. Le spezzerai con scettro di ferro, come vasi di argilla le frantumerai” (Sal 2, 7-9)? Non è forse quello che è accaduto in questi duemila anni? Quanti popoli si sono assoggettati a Cristo? Ma dice anche Oracolo del Signore al mio Signore: 'Siedi alla mia destra, finché io ponga i tuoi nemici a sgabello dei tuoi piedi" (Sal 110, 1)? Ma si può dire Signore del Messia mettendolo al livello di Dio se Egli fosse solo un uomo particolarmente benedetto? Dio non può essere in tre Persone? Non sono immagine del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo quei tre uomini che si presentano ad Abramo? Se fosse stato diversamente, avrebbe Dio permesso che si desse nome di Signore a chi non lo era? Ma la Parola è Poi il Signore apparve a lui alle Querce di Mamre, mentre egli sedeva all'ingresso della tenda nell'ora più calda del giorno. Egli alzò gli occhi e vide che tre uomini stavano in piedi presso di lui. Appena li vide, corse loro incontro dall'ingresso della tenda e si prostrò fino a terra, dicendo: 'Mio signore, se ho trovato grazia ai tuoi occhi, non passar oltre senza fermarti dal tuo servo. Si vada a prendere un pò di acqua, lavatevi i piedi e accomodatevi sotto l'albero. Permettete che vada a prendere un boccone di pane e rinfrancatevi il cuore; dopo, potrete proseguire, perché è ben per questo che voi siete passati dal vostro servo'. Quelli dissero: 'Fà pure come hai detto'" (Gen 18, 1-5). Lo chiama Signore e gli parla al plurale, e Dio gli parla come se avesse detto tutto giusto. Ma perché aspettate ancora un messia che non sia altro che un Davide più grande e più forte, se Davide stesso dice riguardo al Messia Il Signore ha giurato e non si pente: 'Tu sei sacerdote per sempre al modo di Melchisedek'” (Sal 110, 4)? Il Messia non è forse un sacerdote per la salvezza dell'umanità, più che un uomo dal potere politico che sottomette tutto a Israele? Aveva senso che Davide parlasse della non corruzione del corpo del Messia e del Suo non essere abbandonato nel sepolcro se non fosse una cosa importantissima questa di Lui? Perché state cercando un altro Davide quando Davide stesso vi ha indicato quale Re state veramente cercando? C'è un uomo che più di Gesù Cristo è conforme a quello che dice Davide?


I musulmani dicono di venerare Maria, come è prescritto dal Corano, ma per venerare veramente Maria bisogna conoscerla e agire come Lei agisce, perché questo è il vero venerare. Ma allora bisogna leggere anche i Vangeli che sono stati scritti ai suoi tempi e istruirsi su di Lei e anche su Chi Lei ha cresciuto. Si scopre così che tre volte Gesù annunzia la propria Passione, e veramente ci è andato ed è morto sulla croce dicendo parole che solo Lui avrebbe potuto dire e nessun altro. Ed ha anche un senso che lo avesse fatto, un senso che è spiegato bene in questo libro, la salvezza eterna delle anime. Si dice di venerare Maria che ha ricevuto l'annuncio dell'arcangelo Gabriele, e si crede in Maometto che dovrebbe aver ricevuto dall'arcangelo Michele la storia che in realtà Gesù non morì sulla croce, ma un'altra persona. Ma Maometto è venuto 600 anni dopo Gesù, mentre chi ha descritto tutto nei quattro Vangeli erano persone che hanno vissuto con Gesù o con gli apostoli, che conoscono bene quel che è accaduto, e hanno dato un rilievo molto importante alla Passione. La fede che abbiamo e in alcuni casi vediamo noi cristiani è che il demonio ha molta paura del Sangue che ha sparso Gesù e della Sua Croce, tanto che spesso gli esorcisti musulmani mandano i loro posseduti da noi per ottenerne la liberazione, non riuscendoci loro. Possono aver sbagliato gli evangelisti? Dite di venerare Maria, si, e che Gesù era un grande profeta, ma invece di preoccuparvi di conoscerli e onorarli e di imitare il loro esempio, molti di voi uccidono noi cristiani spargendo il nostro sangue anche solo per una parola che non piace. Ma è questo il rispetto? È questa la coerenza? Ma il Corano non dice Chi uccide intenzionalmente un credente, avrà il compenso dell'inferno, dove rimarrà in perpetuo. Su di lui la collera e la maledizione di Allah e gli sarà preparato atroce castigo” (Sura IV, 93). Noi cristiani in Dio crediamo, che interessa a voi musulmani se per mezzo di Maometto o di Gesù Cristo che voi stessi reputate un grande profeta? Interessa forse a voi come io penso a salvare la mia anima? Io a voi lascio che la salviate come volete. Dio o Allah è sempre lo stesso, e noi cristiani crediamo in Lui. La sura non dice di non uccidere chi crede? Lo dice. È esplicito. Dunque, se siete di quelli che fanno questo, come credete che salverete la vostra anima, se fate quello che il vostro Libro dice di non fare? Se siete di quelli, badate che al vostro giudizio personale, dopo la morte, non vi venga di dire ad Allah, che per noi è sempre lo stesso Dio, “loro sono degli infedeli e li ho uccisi perché la loro religione non deve esistere”. Allah potrebbe anche rispondere “Ti sei preoccupato di conoscere Me con la preghiera? Nel Corano non è scritto 'Non uccidere il credente?' A te che importa che era cristiano?”. E cos'è che farà poi di queste persone che uccidono intenzionalmente, se è parte della vostra fede? Finiscano i martirii di persone che cercano solo di vivere la propria fede e che pensano che si può anche parlare. Voi siete di Dio ma anche noi siamo di Dio e ci dovete rispettare, perché ci possiamo amare come amici. Ora che sapete queste cose che il Corano dice, se vorrete uccidere un credente sentirete la coscienza dentro voi che comincia a dire “vado all'inferno”, ogni volta di più, quando penserete di farlo sentirete che andate in quella direzione, e allora qual'è la fede che difendete? A cosa serve darsi tanto da fare contro di noi? Pensate piuttosto alla salvezza della vostra anima nel conoscere bene Dio in quello che vi ha dato e nella preghiera, e nel ricordare agli altri vostri questa sura del Corano, è questa una cosa che vi può far grandi davanti a Lui. Leggete questo libro se volete approfondire, non come imposizione ma come proposta, perché fa bene conoscere anche le altre religioni. Per noi Dio è Padre di tutti, io non sono contrario a voi, fate pure il vostro cammino, avete la libertà, ma per me il Corano non è paragonabile al Vangelo, Maometto è uno che doveva diventare un buon cristiano e che si è lasciato sviare. Secondo il Corano,la frase evangelica "Verrà il Consolatore" nel Vangelo di Giovanni (Gv 15, 26) profetizzerebbe la venuta di Maometto, che dopo aver letto questo versetto ha appunto creduto di essere lui il Consolatore, mentre per noi cristiani è lo Spirito Santo (infatti nella frase dopo viene specificato come lo Spirito di Verità”). Ma se Maometto fosse il Consolatore, perché invece di rivolgersi alla Chiesa di Gesù già esistente, dopo averla conosciuta, se ne va per un altra strada, visto che è alla Sua Chiesa che Gesù ha promesso il Consolatore? Lui credeva di essere il Consolatore, e non va dai cristiani? Perché quello che insegna è tutto opposto di quello che Gesù ha insegnato e confuta tutto l'insegnamento della Sacra Scrittura? A Maometto si potrebbe dire che gli andavano bene i passi che parlano del Consolatore e li considera veri, mentre tutto il resto dei Vangeli non va bene ed è eretico per lui.

Vi disturba che io abbia un mio pensiero? Cercate di comprenderlo prima. Si sa infatti che Maometto ha avuto rapporti coi cristiani e conoscenza del Vangelo, ha voluto andar oltre però e si è ritrovato a fare una specie di nuovissimo vangelo, tutto suo, migliore degli altri, che esclude anzi gli altri, come se non avessero valore. San Paolo però ha detto “se anche noi stessi o un angelo dal cielo vi predicasse un vangelo diverso da quello che vi abbiamo predicato, sia anàtema! L'abbiamo già detto e ora lo ripeto: se qualcuno vi predica un vangelo diverso da quello che avete ricevuto, sia anàtema (maledetto)!” (Gal 1, 8-9), e lo disse circa cinquecento anni prima.

Ma se volete onorare Gesù e Maria non solo a parole ma anche a fatti rendetevi conto che non si può seguire insegnamenti in contraddizione con i Suoi. Il Corano parla molto di Gesù nato da Maria e di Maria, ma i suoi insegnamenti sono continuamente in contraddizione con quello che testimoni presenti hanno sentito dire da Gesù e hanno riportato nei Vangeli. L'insegnamento del Vangelo e del Nuovo Testamento è coerente e non si contraddice in nulla. La sua Parola non ha sapore umano ma divino, e si comprende sempre più profondamente e con sempre nuove luci, da questo sapete che l'ispirazione è divina. E se divina è, merita di essere conosciuta bene anche essa, o come potrete dire che onorate Gesù e Maria, se non conoscete la Parola scritta da persone che erano attorno a loro? Non facendo questo forse non fate proprio quello che lo stesso Corano vi dice in qualche modo di fare, conoscere Gesù, indispensabile alla vera onorazione della persona? E allora che musulmani perfetti siete? Che fedeli osservatori della Volontà di Allah siete? Vi assicuro che le Parole del Vangelo e del Nuovo Testamento meritano rispetto e sono degne di fede, anche se scritte da poveri, miseri uomini e non date da angeli. In fondo erano uomini un po' vicini a Dio, e pieni del Suo Spirito secondo la nostra fede. Loro hanno vissuto con Gesù e testimoniano quel che han visto accadere, Maometto non l'ha conosciuto e le sue parole non son più credibili di quelle degli apostoli. Ma che ci sia la volontà del demonio nel vostro minacciare e uccidere tutti i musulmani che vedete con una Bibbia in mano? Paura che i vostri fratelli scappino tutti da Cristo? Lasciate la libertà di aderire a quale fede uno voglia aderire!


I buddhisti credono nella figura e nell'esempio del Buddha, ovvero l'illuminato”, il cui nome era Siddharta Gautama. Egli non è arrivato ad accorgersi della esistenza di Dio, ma con l'aspra penitenza e digiuno, fino a trovare una via più dolce da seguire, e la meditazione e il compassionevole amore del prossimo è arrivato a quello che noi arriviamo con la Passione di Gesù Cristo e la preghiera per noi e per gli altri: la riconciliazione perfetta con se stessi, la vittoria sul proprio ego e la conoscenza perfetta di se stessi e della propria comunione con il creato. Lui ha chiamato questo stato Nibbana (o Nirvana), che significa “Risveglio angelico, e che è corrispondente allo stato di Risurrezione Totale di cui qui si parla, anche se non con tutte le grazie che Dio dona a un cristiano. La conoscenza di se stessi in Dio è cosa anche cristiana, praticata ad esempio dai Padri del deserto ortodossi e dagli eremiti, perché a Dio piace che oltre a conoscere Lui conosciamo noi stessi. Certo, c'è bisogno di aiuti esteriori per arrivare alla verità tutta intera, come leggere il Vangelo, i messaggi di Gesù e di Maria, o ascoltare omelie e catechesi, altrimenti si può rischiare di andare fuori strada e aggiungere alla verità delle proprie teorie (con un fondo di verità) al senso di quello che si conosce, così come è la reincarnazione. Questo dipende dal fatto che senza battesimo non si riceve quella grazia che Gesù ci ha ottenuta e che ci rivela le cose soprannaturali che vanno oltre la conoscenza mentale. Si può dire “Dio non abbiamo modo di capire se esiste e non andiamo oltre su questo”, per atto di umiltà, ma bisognerebbe anche dire “Come noi sentiamo di morire e risorgere in ogni atto che facciamo, così anche nell'aldilà il nostro stato sarà probabilmente questo, nella sua gloria, invece che un'altra vita che ricomincia, in quanto siamo arrivati alla conoscenza e ad essere 'figli della Risurrezione' (Lc 20, 36); infatti, se veramente esiste un Dio capace di creare questo immenso universo e tutte le creature che noi vediamo, Egli non ha bisogno di farci reincarnare, per la Sua Onnipotenza, ma ci conosce tutti singolarmente per nome”.

Dio risponde a chi con pazienza gli chiede la Verità sulla Sua esistenza. La dottrina della reincarnazione sta veramente facendo molto male a noi cristiani, molti di noi battezzati non si accorgono della bellezza e consistenza della nostra fede e corrono dietro le dottrine più interessanti e carine che ci sono, perché sono frivoli nella fede, facendo disastri per gli altri cristiani che non sono più sicuri della loro fede. Comunque i buddhisti hanno tante cose buone e l'esempio di Siddharta è buono e utile anche per un cristiano, così come lo sono quelli dei santi.


Della New-Age si può dire che è solo una miscellanea di religioni con un Dio etereo in cui non ci si preoccupa dell'amore del prossimo materiale e spirituale, ma solo del cercare l'esperienza di cose incredibili. È una cosa che è stata data molto di più e molto più seriamente ai santi cristiani di ogni tempo, e non si può capire nella sua interezza senza Gesù perché Lui è la pietra angolare su cui ogni costruzione riesce bene, senza di Lui invece tutto crolla.




Vi dico che anche una sola Ave Maria detta bene può salvare un’anima.- Messaggio della Madonna di Capua, del 15-6-2011 - http://www.verginedegliultimitempi.com/apparizioni.htm – Ave Maria, piena di Grazia, il Signore è con te, tu sei benedetta fra le donne e benedetto è il frutto del tuo seno, Gesù. Santa Maria, Madre di Dio, prega per noi peccatori adesso e nell'ora della nostra morte. Amen.



E DIO disse all'Uomo: "Guarendovi da tutti i vostri peccati, avete guarito la vostra Terra ! Essa è veramente guarita e fecondata dal bene che si è sprigionato dal cuore di tutti gli uomini. L’Uomo è nato per ritrovare il cammino di DIO, che si era perduto nella notte del Tempi !

Ecco venire in piena Luce: I Cieli Nuovi con la Terra Nuova.

L’Uomo rieducato, intese allora DIO che gli diceva:

"Se l'Umanità si mette ad AMARE e a Perdonare, che farò allora di tutte quelle Profezie?“ (tante cose che riguardano i castighi apocalittici).

Pensateci !... Di fronte a così tanto sangue!” (e a tanto sangue che minaccia di correre a causa del peccato che ha sommerso la terra, e che Dio non vuole!).

Dio vede che qualcosa finalmente sta succedendo nel mondo, e si sta ricredendo sulla necessità di permettere parecchie cose per la purificazione delle anime, alquanto necessaria per poter entrare in Paradiso.

(da http://www.jnsr.be/it.htm parola di Dio del 24 Aprile 2011).





Scarica libroLettura libro da sitoAltri contenuti fortiMia musica - Forum




Quest'opera è consacrata al Cuore Immacolato di Maria.

Autore Oscar Lepore

oscarlepore@email.it

Sono presente anche su facebook con nome Oscar Lepore (quello nato il 9 luglio 1983).